Facciamo volentieri un po' di meritata pubblicità all'italiano DDAY, che ha avuto modo di verificare molto da vicino il funzionamento del prossimo HP TouchPad, mostrando alcune delle caratteristiche primarie dell'interfacccia.

webos

Vengono fuori elementi molto interessanti, come già si poteva intravedere dai brevi spezzoni video rilasciati dalla stessa casa, ma anche altre piccole peculiarità che si evidenziano solo con l'uso. Come ad esempio la gestione dei task di lavoro con gruppi di applicazioni in background finalizzate ad una unica operazione ed alternabili facilmente con il multitasking. Oppure il client di posta che permette di attivare più istanze, così da tenere una email in composizione mentre si controlla il resto della posta o se ne invia un'altra.

Valgono tutte le considerazioni fatte in merito la distribuzione un po' troppo posticipata ed un'interfaccia che, volente o nolente, ricorda ampiamente l'iPad. Ma tutto sommato per alcuni aspetti c'è poco da inventare ormai e le soluzioni proposte in Web OS appaiono realmente pratiche, così come il terminale sufficientemente veloce e fluido nell'uso.

È bene ricordare però che si tratta sempre di anteprime dove l'operatore, stranamente, non ha permesso ai giornalisti di interagire in prima persona con il tablet. Evidentemente vi sono ancora tanti punti da sistemare nell'OS e solo chi sa dove mettere le mani può evitare di portare alla luce i vari buchi. Speriamo comunque che possa arrivare prima possibile alla maturità ed alla distribuzione finale, così sapremo finalmente quanto Web OS ed il TouchPad possano rivelarsi funzionali e capaci di attivare una buona concorrenza anche nel settore Tablet.