Ognuno di noi passa mediamente un terzo della giornata in rete. Per questo ho deciso di testare gli strumenti che ci permettono di succhiare notizie, giocare, lavorare e studiare… I browser!

Ne esistono molti ma ci limiteremo ad analizzarne i 4 più conosciuti:

Versioni testate:

  • Mozilla Firefox 4.0 (64 bit)(Linux Release)
  • Google chrome 10.0.648.151 (32 bit)
  • Safari 5.0.4 (64 bit)
  • Opera 11.01 (32 bit)

browser

le case produttrici mettono a disposizione utilties facilmente rintracciabili in rete con le quali è possibile testare le diverse potenzialità e la versatilità dei diversi browser. Vediamo prima i dati crudi, evidenziando in rosso i risultati peggiori e in verde i migliori.

Nota bene: i test sono stati effettuati con un macbook pro 13” fine 2010; se effettuati sulle vostre macchine possono dare numeri leggermente diversi poiché la navigazione non è dipendente solo dal browser ma anche dal sistema usato e dall'hardware.

Test HTML5: Microsoft Preschool

  • FIREFOX con 12,307 sec
  • CHROME con 15,616 sec
  • SAFARI con 21,035 sec
  • OPERA -> sprovvisto

Test javascript: SunSpider

  • FIREFOX con 303.2 ms
  • SAFARI con 306.2 ms
  • OPERA con 347.9 ms
  • CHROME con 358.8 ms

Test javascript di firefox: Kraken

  • FIREFOX con 6980.7 ms
  • CHROME con 8468.7 ms
  • SAFARI con 13414.3 ms
  • OPERA con 15303.8 ms

Test V8: Google V8

  • FIREFOX con 3153
  • CHROME con 6975
  • SAFARI con 2362
  • OPERA con 2820

Test WebGL
Gli unici che mettono a disposizione tale tecnologia nelle versioni definitive sono Chrome e Firefox.
Per abilitare il WebGL in firefox bisogna andare in about:config e cercare "webgl.force-enabled" settandola con un doppio click su true.

WebGL

potete effettuare altri test sia su: http://ie.microsoft.com/testdrive
che, per il WebGL, su: http://code.google.com/p/webglsamples/

Ho finito di dare i numeri e vi confesso che il mio consiglio è di prenderli con le pinze. Alla fine si tratta quasi sempre di millisecondi e probabilmente è meglio basare la propria scelta sull’esperienza d’uso e non su questi dati. Esperienza che ci viene data sostanzialmente attraverso l’interfaccia grafica, la compatibilità ed i, ormai indispensabili, componenti aggiuntivi.

Safari:
Per quanto riguarda Safari lo trovo troppo minimale, i preferiti non hanno miniature e l’estetica non può essere gestita in nessun modo, inoltre non è che abbia molte estensioni e la barra degli indirizzi non ha la funzione di motore di ricerca integrato. Molto lento in alcuni passaggi (apertura nuovo tab) e ancora con molta strada da fare per arrivare alla completezza dei concorrenti.

Firefox:
Tutt’altra cosa firefox, veterano nei componenti aggiuntivi e, con la nuova versione 4.0, minimale nell’interfaccia e allo stesso tempo personalizzabile in qualsiasi modo. È il browser preferito dagli hackers per la sua gentile gestione di file, vedi about:config.
Tuttavia non posso non notare come sia l’unico browser a non mostrare l’anteprima delle pagine più visitate. Tutto risolvibile con qualche addon certo, ma diciamo che ad un utente mac di solito, piace avere tutto “nativamente”. Molte, infatti, sono le cose da aggiungere un volta scaricato firefox, come per esempio il supporto al WebGL e la visualizzazione dei file pdf.

Opera:
Opera è un browser diverso. Non molto diffuso rispetto agli altri, presenta poche estensioni ma con un po' di uso la sua interfaccia si mostra più che funzionale e di tutt’altra esperienza.
Penso che non sia ancora maturo per gareggiare con gli altri browser anche perché non supporta l’html5 che ormai rappresenta il futuro. Può essere però decisivo scegliere questo browser per chi naviga con tariffa a trasmissione dati poiché integra la funzione turbo che permette di navigare velocemente grazie ad una tecnologia che diminuisce la risoluzione delle immagini facendole pesare di meno e permettendo quindi all’utente “inchiavettato” con vodafone, tim o altri, di risparmiare tempo e denaro.

Google Chrome:
Il browser di google negli ultimi tempi ha guadagnato molto terreno e credo che tra un paio potrebbe addirittura superere l’utilizzo di firefox (molti non saranno d'accordo).
È davvero un gran browser, ha il flash player integrato, supporta nativamente il Web-GL  e il continuo espandersi delle sue estensioni è indicativo di un interesse sempre crescente. La possibilità di sincronizzare preferiti, configurazioni ed estensioni su differenti postazioni con un account google è decisamente una caratteristica di rilievo. È veloce, snello e con una interfaccia comprensibile e tutto sommato non difforme dagli stilemi estetici di OS X. Forse migliorabile la gestione dei download, ma per tutto il resto a nudo è quello sicuramente più funzionale.

Spero che questo articolo cambi la vostra visione del browser, avere il giusto feeling con questi strumenti può farci risparmiare tempo e renderci la vita molto più facile. Troppo spesso, sia su Windows che su Mac OS, l'utente si tiene quello che il sistema propone. Ma non è sempre la scelta migliore.