Sgradita sorpresa per tutti coloro che fossero intenzionati, prendendosi naturalmente tutte le responsabilità e le precauzioni del caso, a sostituire l'hard disk dei nuovi iMac con uno "aftermarket" fuori dall'Apple Store. A quanto pare, l'azienda di Cupertino ha deciso, almeno per ora, di tagliare questa possibilità. Sul blog di OWC è infatti emerso che le nuove versioni degli all-in-one di casa Apple utilizzano sì la tradizionale SATA per i propri hard disk, ma con un nuovo connettore proprietario.

iMac

Il nuovo connettore, a 7 pin, è differente rispetto a quello classico a 4 pin. Secondo la spiegazione ufficiosa ricavata da OWC, questo cambiamento è dovuto a un più efficiente sistema di monitoraggio delle temperature presente grazie a un firmware apposito per le unità montate da Apple. Il risultato è che qualsiasi hard disk o SSD diverso rispetto a quelli previsti da Apple porterà non solo a un uso abnorme delle ventole ma anche al fallimento dell'Apple Hardware Test compiuto al boot della macchina: in pratica, con un hard disk differente da quelli di fabbrica l'iMac non è utilizzabile. Nemmeno sostituire l'hard disk meccanico con un SSD porta a buon fine: benché il loro uso potrebbe pure portare a staccare le ventole per risolvere uno dei problemi, permane quello del fallimento dell'Hardware Test. Ad aggiungere anche una punta in più di rammarico è il fatto che l'aggiornamento dell'EFI uscito praticamente pochissimo tempo dopo la messa in commercio, che ha reso disponibile il supporto SATA3 a 6 GBit/s, risulta così facendo di fatto inutile, dato che l'hard disk di fabbrica non lo sfrutterebbe poiché fermo al SATA2.

Insomma, la scelta principale sembrerebbe una sola: stare molto attenti all'unità di archiviazione da montare in fase di acquisto, perché una volta scelta ci si deve tenere quella. Tuttavia, ci sarebbe una opportunità su cui, soprattutto per i siti specializzati in questo tipo di cose come iFixit, varrebbe la pena dare una occhiata. La limitazione sembrerebbe riguardare solamente il bay destinato all'hard disk principale. Poiché l'iMac ha un secondo spazio utilizzabile per l'inserimento degli SSD, è possibile che lì non sia presente questa limitazione, rendendo possibile eventualmente l'installazione e l'uso di un SSD "aftermarket". Senza prove sul campo, però, è difficile stabilire se almeno questo secondo slot ha lo stesso connettore a 7 pin oppure usa quello standard a 4 pin. Considerato come la macchina disponga di processore, RAM e addirittura di una GPU potenzialmente sostituibile, è quasi incredibile come Apple sia andata proprio a limitare la possibilità di personalizzazione per uno dei componenti solitamente meglio sostituibili nei Mac. La situazione però, almeno attualmente, risulta così, dunque, occhio a che hard disk o SSD si sceglie quando si acquista l'iMac: una volta fatto, indietro non si torna.