Una delle funzionalità più utili di Lion è sicuramente Riprendi. Soprattutto se si deve riavviare il Mac in caso di aggiornamenti, questa feature può far risparmiare molto tempo, riaprendo applicazioni, file e documenti aperti al momento dello shutdown. In pratica, sparisce o quantomeno si attenua un po' il concetto di chiusura sessione, in quanto grazie a Riprendi la sessione può continuare potenzialmente all'infinito. Ma perché nel titolo ho scritto "maneggiare con cura"? Perché Riprendi potrebbe non essere proprio l'ideale, in certi contesti. Prendendo spunto da un articolo a riguardo di Macrumors, ora spiego il perché di ciò.

La funzionalità, per quanto molto comoda (io la trovo uno dei migliori "selling points" di Lion), può presentare degli spiacevoli inconvenienti. Come scrive sul suo blog Jeremy Laurenson, assieme a sua moglie stava guardando sul Mac, tramite QuickTime Player, il filmato del parto del loro figlio. Dopo aver visto ciò a cui erano interessati, ossia il momento del parto, Laurenson chiude l'applicazione regolarmente. Fin qui, nulla di anormale, se non fosse per il fatto che, tramite Riprendi di Lion, QuickTime Player salva lo stato dell'applicazione e del video in riproduzione. Il risultato? Successivamente, Laurenson aveva bisogno di mostrare un altro video a un suo collega di lavoro. Apre il file, ma con grande sorpresa QuickTime riparte dal punto in cui era stato interrotto il video del parto! Certo, nulla di scoinvolgente, ma la sorpresa è stata piuttosto evidente. Se fosse stato qualcosa di molto più spinto invece che un parto, probabilmente sarebbe stato evidente anche l'imbarazzo.

Laurenson conclude dicendo che cose di questo genere capiteranno spesso, nel corso dei prossimi mesi, in cui la gente inizierà ad abituarsi a Lion. La soluzione, attualmente, è quella di disattivare Riprendi tramite le Preferenze di Sistema, qualora si utilizzasse il Mac sia a casa che al lavoro e si preferissero evitare spiacevoli inconvenienti, che siano filmati osé o semplici documenti in cui non si vuole che amici e colleghi possano ficcare il naso. Data però la grande utilità e il grande potenziale in vari contesti della funzione, sarebbe bello che Apple offrisse non solo una impostazione di disattivazione globale, ma anche la possibilità di disattivarlo in base all'applicazione, senza doversi privare dunque di Riprendi in tutto e per tutto. Chissà se la storia di Laurenson e la sua visibilità su Macrumors stimoleranno gli ingegneri Apple in tal senso. Nell'attesa di un'eventuale impostazione del genere, "maneggiare con cura".