La Beta 3 di iOS 5 ha portato tante piccole novità. Una in particolare, però, ha catturato l'attenzione di molti: "Assistive Touch". Questa nuova funzione si dichiara, all'apparenza, solo allo scopo di aumentare l'accessibilità dei dispositivi iOS per le persone che hanno difficoltà nell'uso delle gestures e dei bottoni fisici di iPad e iPhone. Tuttavia, le intenzioni di "Assistive Touch" sembrano essere altre, molto più ambiziose.

Le nuove impostazioni di accessibilità consentono, tramite l'assegnazione di un angolo apposito dello schermo, di richiamare un particolare menu comprensivo di tutte le gestures e di tutte le azioni compiute dai pulsanti fisici. Nella schermata home, come in foto, questo menu richiama opzioni per la rotazione dello schermo, il volume, il blocco e altro ancora. A seconda della schermata in cui si trova il dispositivo possono essere mostrate altre azioni e gestures. Davvero molto utile, per un uso accessibile. Ma... Solo per quello?

La domanda se l'è posta 9 to 5 Mac, che sembra dubitare riguardo a questo unico scopo. "Assistive Touch" sostituisce in tutto e per tutto i pulsanti fisici dei dispositivi, assumendosene le funzionalità. Perché non si può allora pensare che questa funzione è una anticipazione di Apple riguardo a una eliminazione dei tasti fisici da iPad, iPhone e iPod Touch in futuro? L'eliminazione del pulsante home potrebbe consentire o un ingrandimento in verticale dello schermo o un risparmio di spazio. La rimozione dei pulsanti di blocco e del volume potrebbe invece portare a design ancora più sottili dell'attuale, ovviamente se non portano a sacrifici in termini di batteria. Chissà a cosa stanno mirando, dunque, a Cupertino. Magari, però, è solo pura e semplice dietrologia, anche se positiva. Solo nei mesi a venire si avranno maggiori certezze.