Uno dei motivi per cui i sistemi di messaggistica istantanea sono così utilizzati è il loro approccio all'interazione: ogni scambio è impostato come una conversazione con una certa persona. La differenza con le email è enorme, quest'ultime — nonostante alcuni pallidi tentativi di "conversizzazione" dei messaggi — si basano fondamentalmente sul concetto di inbox, ovvero hai 5 nuovi messaggi o hai 57924 nuovi messaggi.

Dietro ad un indirizzo email, però, spesso c'è essere umano. Perché non considerare questo dettaglio e rendere più semplice e immediato lo scambio di informazioni, notizie e ricordi? Persona, un nuovo client per OS X realizzato da Ali Seçkin Karayol, Marco Triverio, e Harsha Vardhan, vuole provarci:

(Nota: l'utilizzo di un pezzo dei Sigur Ròs come colonna sonora nel video varrebbe da solo l'acquisto dell'app)

Battute a parte, come si evince dal video Persona è un progetto ambizioso. Rimodellare la concezione che abbiamo delle email è difficile, considerando che queste esistono più o meno immutate nella loro forma da decenni. Un qualcosa di simile è stato provato da Facebook con la fusione della chat e dei messaggi nel suo sito, e devo ammettere che la strada intrapresa è quella giusta.

Il cambiamento è enorme, un po' come quando abituati alla gestione SMS dei vecchi Nokia (messaggi indipendenti l'uno dall'altro) siamo passati alle conversazioni di iOS. Certo, potrei tornare indietro e usare un telefono senza questa funzionalità, ma preferirei veramente non farlo.

Photos zoom2

Nonostante le buone premesse, è difficile dire se Persona avrà successo. Come scrive Lukas Mathis di Ignore the Code la maggioranza delle email che ricevo sono messaggi automatici di/da forum, mailing list, commenti o quant'altro. Se venisse integrato con Posta Prioritaria potrebbe avere effetti rivoluzionari e finalmente rendere gestibile la lettura e la manipolazione delle email.

Persona è ancora un prototipo (e non in beta-testing, come ho visto scritto) ma sembra che lo sviluppo sia veloce. Non ci resta che aspettare, quindi.