Negli scorsi giorni si è iniziato a parlare in giro di una applicazione diagnostica per iOS in arrivo da parte di Apple. Poiché non sapevamo se ci fosse qualcosa di più concreto, abbiamo preferito in quel momento non approfondire. Oggi 9 to 5 Mac ha mostrato prove piuttosto convincenti di questo nuovo sistema diagnostico, con immagini a quanto pare provenienti da documenti interni Apple.

Il funzionamento dovrebbe essere abbastanza semplice. Una volta che l'utente richiede l'assistenza da remoto, Apple gli invia una email contenente un pulsante per avviare il programma di diagnostica, identificando la richiesta con un numero univoco. Quando l'utente acconsente, il tool inizia ad effettuare dei test e a raccogliere dati riguardanti l'iPhone, incluso anche il numero di chiamate occorse nella giornata. I dati passano attraverso la rete, dunque è necessaria una connettività stabile e affluiscono nel database di GSX, uno strumento interno di Apple proprio per gestire gli interventi diagnostici. Con tutti i dati raccolti, i tecnici potranno capire più direttamente la causa ed eventualmente programmare un intervento di riparazione o sostituzione del terminale insieme all'utente.

Il servizio è destinato a entrare in funzione globalmente nel corso dei prossimi mesi e conseguentemente al rilascio di iOS 5. Una ottima soluzione che porta l'assistenza Apple ancor più a contatto con i propri clienti, riducendo anche i tempi complessivi di intervento.