Tutti avranno un po' visto l'iPod nano presentato alcuni giorni fa come una riedizione appena migliorata soprattutto sul lato software di quello del 2010. Effettivamente, anche per noi di SaggiaMente era così, sostanzialmente a parte le nuove visuali per l'app Orologio e le funzionalità per il fitness non sembravano esserci differenze hardware. In realtà, non è proprio così. Questa sorta di Model Year 2011 dell'iPod nano porta con sé qualcosa di nuovo anche all'interno, come dimostra il puntuale teardown di iFixit, segnalato in particolare da AppleInsider viste proprio le novità sfuggite ai più.

Una di queste è il nuovo chip flash per l'archiviazione: se nel "precedente" iPod nano il componente era fornito da Toshiba, ora c'è SanDisk come fornitore. Le ragioni del cambio non sono però note: presumibile che il chip di SanDisk offra consumi ridotti rispetto a quello Toshiba e anche costi relativamente inferiori.

Un altro cambiamento avvenuto è nel processore. Sempre come ha riportato AppleInsider, prendendo spunto da un articolo di TechInsights, la nuova CPU è un ARM sviluppato da Samsung e "reimpacchettato" a marchio Apple, a dimostrazione che nonostante le cause e tutte le voci relative al prossimo A6 i legami di fornitura tra le due aziende rimangono ancora abbastanza forti. Anche qui, però, le informazioni a riguardo sui cambiamenti sono poche, dal momento che pure la precedente era firmata Samsung. Presumibile comunque si tratti di un cambiamento piuttosto basso, visto ciò che deve fare il dispositivo: non ce lo vediamo ad avere la necessità di CPU oltre i 300 MHz. La RAM totale del nuovo nano è invece di 64 MB, invariata rispetto al precedente, stando alle informazioni che si trovano in Rete. La difficoltà nel reperire tale materiale è nel fatto che, giustamente, Apple non pone enfasi a processore e memoria RAM in questi prodotti.

Insomma, oltre al prezzo ribassato, fa piacere sapere che qualcosina di nuovo all'interno è stato fatto. Aspettiamo di vedere un eventuale teardown dell'iPod touch per capire se pure lì c'è qualche sorpresa oppure il tutto si riduce solo alla nuova colorazione bianca.