No, non avete sbagliato blog. È domenica e ci permettiamo una piccola divagazione. Qualche mese fa discutevo con un caro amico inglese se fosse meglio la BMW 330CD o la Lotus Elise. Io propendevo per il marchio bavarese mentre lui mi ha spiazzato tirando fuori dal cilindro la Ford Cortina, automobile neanche lontanamente paragonabile alle precedenti sia per età che per motore.

ford-cortina

Le ragioni della sua scelta mi hanno fatto riflettere non poco e sono giunto alla conclusione che spesso meno è di più (e la biografia di Steve Jobs ritorna prepotentemente...). Ciononostante rimango dell'idea che la BMW sia, per me, una scelta più sensata. Ma perchè parlare di automobili in un blog di informatica/tecnologia? E soprattutto perché BMW e Lotus quando il titolo riguarda due marchi ben più altolocati? Sto vivendo un momento di transizione, un ritorno alle orgini che tali in realtà non sono. Ho iniziato a scrivere in questo blog grazie ad un resoconto sulle peripezie passate nel tentativo di coesistere con un Samsung Galaxy S e torno, ad un paio di settimane di distanza, per raccontarvi il mio personale punto di vista riguardo Apple e come questa azienda mi abbia cambiato la vita.

ferrari

Torniamo per un attimo alla Ferrari: la 458 è un'automobile davvero strabiliante, non tanto per il contenuto tecnico quanto per l'esperienza di guida che regala. Più che i cavalli, il cambio robotizzato e l'assetto ideale ciò che rende magnifica la Ferrari è la possibilità che offre a chiunque di domare un mostro senza particolare sforzo, grazie ad una serie di aiuti elettronici alla guida. Anche il più inesperto guidatore è in grado di pennellare curve senza che sul ciglio della strada si debba appostare una Signora di nero vestita e munita di falce.

dodge-viper

E la Dodge Viper? Più cavalli, più veloce al Nürburgring, più aggressiva, immensamente più economica eppure se ne vedono poche in giro, perchè? In parte il "merito" va alla Signora di cui sopra che, gentilmente, sfoltisce il parco auto aiutando nel contempo ad abbassare l'inquinamento atmosferico; in parte va all'impostazione troppo rischiosa che i progettisti hanno dato ad un mostro che è veramente difficile gestire anche se ci si chiama Alonso. Eppure la Viper è teoricamente meglio perché, non avendo l'ESP, ci mette in condizione di controllare fin nei minimi particolari il comportamento della vettura. Non dovremmo preferirla?

Torniamo (finalmente) alla Apple ed ai propri prodotti: quali sono le critiche che più spesso gli si rivolgono? Il costo eccessivo (Ferrari), la scarsa possibilità di controllare a fondo il mezzo che abbiamo a disposizione (Ferrari), il fatto che possedere uno dei suoi prodotti ci faccia apparire dei Fanboy (Ferrari). Pensando ad i telefoni ed all'OS rivale più accreditato, ovvero Android, gli aspetti positivi sono che i telefoni costano meno (Viper), possiamo "rootare" e prendere il comando totale del terminale (Viper) e possedere uno di questi prodotti ci rende più "geek" che Fanboy salvando il nostro "onore" (anche se non appaiamo più appetibili alle donzelle). Ma siamo sicuri che l'utente Apple sia un Fanboy e non in realtà un Furboy? Non affannatevi, ho già registrato il dominio ed il copyright...

Se dividessimo la popolazione in categorie noteremmo che la percentuale degli utenti che si sentono dei geek è abbastanza alta, soprattutto nella fascia giovane e matura della popolazione. Un bacino d'utenza molto grande che, in effetti, è quello più popolato dagli appassionati Android. Ma quanti di questi sono veri esperti della materia? Quanti di questi sono veramente in grado di controllare un terminale? La realtà dei fatti è che la quasi totalità è a malapena capace a copiare dei file creati da pochissimi esperti nel maldestro tentativo di ottenere qualcosa di più da un prodotto che, evidentemente, non li soddisfa abbastanza. Il risultato sono notti insonni, formattoni megagalattici, apparecchi che si scaricano solo per mostrare all'amico quanto il proprio benchmark sia superiore di un 3% rispetto al firmware ufficiale. Lo dico a ragion veduta, ci sono passato e porto ancora i segni della lotta. In un anno esatto di Android sono passato dallo stato di felice utilizzatore di un parecchio con definiti limiti ad un frustrato geek che ancor oggi cerca di spremere sangue dalle rape. Si, il benchmark del mio telefono ridicolizza il firmware ufficiale però ho speso mesi della mia vita a fungere da beta tester per un prodotto che se non fosse per la comunità Android sarebbe persino peggio di quanto non sia ora. Gli appassionati di Android staranno già affilando i coltelli ma è innegabile che dopo la quarta applicazione installata dopo un formattone il mio Samsung (Galaxy S) a volte ci mette 4 secondi per aprire la rubrica indirizzi e poi altri 3 per far apparire la tastiera. È normale tutto ciò? Il mio gemello (quello cattivo...) continua a sostenere che il suo Samsung Galaxy S II non si blocchi mai ma, curiosamente, se lo prendo in mano io i problemi si presentano immediatamente. A quel punto partono le scuse di rito: "ma non succede mai, tu hai il fluido maligno della Apple, ho 5 applicazioni aperte in multi tasking, Venere è in opposizione con Saturno, l'umidità è sotto il 15% e c'è l'invasione delle cavallette"! Balle! Il mio iPhone 3GS andava sempre bene, il mio iPad è "smooth like butter"! Certo, non posso loggarmi al sito della Casa Bianca usando un adattatore wifi-porta seriale, ma in fondo se devo telefonare riesco a premere i tasti una volta sola senza dover ripetere la selezione perchè il sistema era intento a "multitaskare". È indubbio che Apple costruisce un ecosistema chiuso ma è altrettanto indubbio che quello che fa in genere funziona bene e mette in condizione l'utente, anche il più tardo, di fruire con piacere delle "poche" funzioni che si trovano su un iPhone. Android non è così semplicemente perchè punta ad un sistema senza barriere per battere il suo concorrente a suon di terminali venduti. E ci è riuscito! Ma se il sistema è aperto non può essere ottimizzato come accade nel caso dell'iPhone.

Torniamo alla Viper: la notizia che ha sconvolto gli appassionati è che a breve tutti i nuovi modelli saranno dotati di ESP. Senza non si vende abbastanza, la gente ha paura. Temo che Google, alla lunga, potrebbe essere costretta a rivedere i propri piani: il pubblico sembra essere disponibile a pagare un prezzo maggiore per avere un prodotto più piacevole da usare e inizia a mal digerire l'idea di essere un perpetuo beta tester che non merita neanche un minimo stipendio.

E perché il mio amico inglese ha invece optato per la Ford Cortina? Perché con circa 100Cv, pneumatici consumati e 1000 sterline riesce a divertirsi sgommando in curva a 50 km/h grazie ad un assetto talmente precario da far invidia al Fiat 128. Ed il tutto senza rischiare di morire.

Saggio.