La questione della garanzia Apple nel corso del 2011 è stata un argomento piuttosto caldo. Brevissimo riassunto: Apple fornisce come produttrice la classica garanzia di un anno, ma come rivenditrice non copre invece il secondo anno obbligatorio come previsto dalle leggi europee in materia, promuovendo l'estensione a pagamento AppleCare. Per tale motivo alcuni mesi fa l'Antitrust italiana ha avviato una indagine su Apple al fine di verificare la sussistenza del fatto. Oggi è arrivata la sentenza dell'AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato): 900mila € di multa per l'azienda di Cupertino.

I 900mila € sono suddivisi su due sotto-sanzioni, rispettivamente di 400 e 500mila €, che coprono le seguenti infrazioni, riportate dal sito dell'AGCM:

1) presso i propri punti vendita e/o sui siti internet apple.com e store.apple.com, sia al momento dell’acquisto che al momento della richiesta di assistenza, non informavano in modo adeguato i consumatori sui diritti di assistenza gratuita biennale previsti dal Codice del Consumo, ostacolando l’esercizio degli stessi e limitandosi a riconoscere la garanzia convenzionale del produttore di 1 anno;

2) le informazioni date su natura, contenuto e durata dei servizi di assistenza aggiuntivi a pagamento AppleCare Protection Plan, unite ai mancati chiarimenti sull’esistenza della garanzia legale biennale, erano tali da indurre i consumatori a sottoscrivere un contratto aggiuntivo quando la ‘copertura’ del servizio a pagamento si sovrappone in parte alla garanzia legale gratuita prevista dal Codice del Consumo.

In tal modo l'Authority ha inteso chiarire come la Apple rivenditrice sia tenuta al rispetto delle leggi vigenti e ad onorare il secondo anno di garanzia legale, altresì facendo in modo che la AppleCare sia una estensione che copra solo dopo il termine del periodo convenzionale e non durante. L'Authority ha imposto a Apple, oltre all'immediato cambiamento della condotta a riguardo, la notifica sul sito aziendale della sanzione e l'adeguamento delle informazioni relative alla garanzia legale sulle confezioni della AppleCare, il tutto entro 90 giorni a partire da oggi.

Tutto è bene quel che finisce bene, insomma. Se acquisteremo presso l'Apple Store, sia fisico sia online, l'azienda sarà tenuta a fornirci l'adeguata garanzia per i 2 anni previsti e l'AppleCare diventerà una vera e propria estensione, senza sovrapporsi col periodo legale. Ovviamente, la sentenza non si applica ai rivenditori terzi, i quali hanno loro e non Apple l'obbligo di coprire il secondo anno.