A tre mesi dall'ultimo aggiornamento, come promesso, Final Cut Pro X arriva alla versione 10.0.3 portando alcune novità a dir poco rilevanti: l'applicazione finalmente supporta l'editing multicam (sincronizzando fino a 64 angolazioni diverse), gestione avanzata del chroma key, migliore supporto all'XML e ai plugin.

multicam

Qualcuno aveva ipotizzato che l'aggiornamento contenente il tanto atteso supporto al multicam sarebbe stato a pagamento, ma non è così. Per quanto riguarda il migliore supporto dei plugin, questo ha già portato al tanto atteso rilascio di Magic Bullet Looks.

color

Una nuova funzione (in beta) è anche il supporto ai monitor professionali broadcast tramite hardware di terzi.
Per quanto riguarda il multicam, sembra che sia stato molto semplificato rispetto a quello integrato in Final Cut Pro 7: è possibile mischiare risoluzioni, codec e frame rate diversi per angolazioni diverse. È anche possibile inserire facilmente una angolazione contente solo audio nella clip multicam. Insomma, anche con questa funzione l'intento di Apple si conferma rendere anche le funzioni più avanzate accessibili a tutti (un mio post per approfondire).

Farà anche la felicità di molti il supporto ai file di PhotoShop multilivello, utilissimi in moltissime situazioni di compositing (anche elementare).

Ultima cosa, ma davvero fondamentale, sembra proprio che sia finalmente possibile importare i vecchi progetti di Final Cut Pro 7 in Final Cut Pro X, e non è affatto una cosa da poco visto che moltissime lamentele relative al secondo erano incentrare sulla mancanza di questa funzione. Purtroppo, tecnicamente, il supporto non è ancora presente, ma grazie 7toX for Final Cut Pro questo sogno è diventato realtà. L'applicazione, udite udite, costa solo 7,99 ed è scaricabile dal Mac App Store.

Questo aggiornamento probabilmente farà discutere, soprattutto perché dimostra che Apple non si è affatto dimenticata dei cosiddetti "pro", e sta dimostrando di essere intenzionata a far diventare Final Cut Pro X un NLE completo, accessibile, professionale e innovativo (come già dimostra di essere).

Ecco infine le note di rilascio originali:

  • Editing multicam con sincronizzazione automatica e supporto a formati misti, framerate diversi e fini a 64 diverse angolazioni
  • Mediarelink per ricollegare manualmente Progetti ed Eventi con nuovo materiale
  • Possibilità di importare e modificare grafiche Photoshop con più livelli
  • Chroma keying avanzato con controlli per il campionamento cromatico, qualità dei bordi e luminanza
  • Supporto allo standard XML 1.1 per esportare color grading e importare/esportare i parametri degli effetti e i keyframe audio
  • Diversi miglioramenti alla Color Board, tra cui nuovi comandi da tastiera, campi numerici modificabili e parametri modificabili che funzionano come slider 'infiniti' se trascinati
  • Possibilità di riordinare le correzioni cromatiche nell'Inspector
  • Reveal in Event Browser ora mostra il range della clip nel filmstrip quando si è in List View
  • Possibilità di modificare l'offset di data e ora per le clip, in offset
  • Possibilità di cercare del testo aggiunta ai range Favorited e Rejected
  • Ripristino automatico dei progetti e degli eventi in caso di corruzione dei file
  • Versione beta del broadcast monitoring con supporto a dispositivi I/O PCIe e Thunderbolt di terze parti

Presenti miglioramenti anche in queste aree:

  • Migliorate le performance nella modifica del testo nei titoli
  • Migliorate le performance nell'applicazione di effetti dall'Effect Browser
  • Migliorato il comportamento dei key-frames nell'Inspector, con possibilità di aggiungerli automaticamente a ogni modifica dei punti nel tempo o dei parametri
  • Diverso comportamento delle transizioni in modo che tutte quelle nuovamente aggiunte usino i media disponibili mantenendo la lunghezza del progetto
  • Sistemato un problema all'audio durante lo skimming
  • Risolto un problema relativo all'uso di clip sincronizzate quando i media contengono un canale audio silenzioso
  • Sistemato un problema che faceva si che il retiming a velocità costante non venisse applicato correttamente quando veniva usato il comando Paste Effects

Le immagini sono tratte da un post di Larry Jordan