Eccoci per un nuovo articolo riguardante le presentazioni del Mobile World Congress 2012 in corso a Barcellona. Questa è stata la mattina di Nokia: il produttore finlandese non si è risparmiato in termini di novità, e non solo lato Windows Phone. Anche Symbian, infatti, ha avuto la sua parte di gloria, forse per l'ultima volta. Vediamo cosa ha mostrato Stephen Elop durante il suo keynote.

Iniziamo proprio da Symbian. Nokia ha presentato per il suo vecchio sistema operativo, comunque tuttora aggiornato, un curioso flaghship: l'808 PureView. Stupisce, tra tutti, il dato relativo alle capacità fotografiche. Il telefono vanta infatti 41 Megapixel!

Immagine da The Verge.

Sorpresi, vero? Ok, ok... Come ben sappiamo, per prima cosa, non è tanto il numero dei Megapixel a fare la differenza, quanto la qualità del sensore e di altri elementi quali l'image processor. La seconda cosa è che questi 41 Megapixel hanno in realtà un trucco. Il più classico, tra l'altro: sono raggiunti per interpolazione. La capacità reale del sensore, con ottiche Carl Zeiss, si attesta sui 5 Megapixel. Il numero dichiarato da Nokia, dunque, sembra più per giocare a chi ce l'ha più grosso (il sensore!) con gli altri concorrenti. Come confermano i primi report in Rete, meglio lasciar perdere questa modalità di interpolazione: piuttosto, viene consigliato di scattare foto alla risoluzione naturale del sensore, che sembrano presentare buona qualità. (Correzione in seguito a riletture e spiegazioni nei commenti) Viene usata l'interpolazione, ma non nella classica maniera, ossia si fa l'upscaling di immagini a risoluzione inferiore. In questo caso si può parlare di downscaling: per ogni 7 pixel, vicini tra loro, ne viene creato uno unico derivante dalla loro unione, col risultato finale di ottenere una immagine vicina ai 5 Megapixel come grandezza. Le prime impressioni in Rete parlano di un sistema davvero molto efficace, con un bassissimo livello di rumore. Anche la registrazione video, a 1080p, pare essere uno dei suoi punti di forza, almeno stando a quanto dichiarato da Nokia, che afferma come la qualità dei filmati registrati con l'808 PureView non potrà essere raggiunta nel breve termine da altri smartphone. Per il resto, non siamo certo davanti al più stupefacente dei dispositivi: processore single-core da 1,3 GHz e display da 4" a risoluzione 640x360. Dotato di Symbian Belle, dovrebbe essere disponibile da marzo.

Per la fascia economica, invece, Nokia punta ancora sulla serie Asha, che ora si arricchisce di tre nuovi modelli. Il 202 è un modello con tastiera QWERTY e, primo tra i telefoni della Serie 40 e a detta di Nokia anche tra tutti i terminali che non sono smartphone, con supporto alle mail tramite Exchange. Il 203 e il 302 presentano invece una classica struttura candybar con tastierino numerico e display touchscreen di tipo resistivo. Tra i due modelli, la differenza è il supporto dual-SIM per il 203. Nessuno dei tre supporta le reti 3G: tutti sono limitati all'EDGE. Del resto, bisogna ricordarsi che sono pensati perlopiù per i mercati emergenti e per essere dei telefonini di base acquistati da chi non ha bisogno di funzionalità più complesse. I prezzi sono di 60 € per 203 e 302 e di 95 € per il 202, con disponibilità a partire dal prossimo trimestre.

Immagine da The Verge.

Passiamo ora, finalmente, a parlare di Windows Phone, partendo da una buona notizia per coloro che aspettavano il Lumia 900: il terminale arriverà anche in Europa. Dopo essersi accorti che effettivamente era limitante per quello che sarebbe il top di gamma per i telefoni con sistema Microsoft rimanere confinato agli Stati Uniti, ne è stata approntata una versione per il Vecchio Continente, che mantiene tutte le caratteristiche del Lumia 900 americano già presentate al CES, a parte una. Non essendoci qui l'LTE, infatti, lo smartphone ha subito un "downgrade" all'HSPA+ a 42 Mbps, velocità comunque di tutto rispetto. Si aggiunge inoltre una variante bianca, che offrirà maggior scelta sulle colorazioni assieme alle varianti nero e ciano già esistenti. Il prezzo sarà di 480 €, tasse escluse, e l'arrivo è previsto nel corso del prossimo trimestre.

Immagine da The Verge.

Anche nella fascia bassa del mercato è tempo di nuovi Windows Phone. Il Nokia Lumia 610 punta infatti ad insidiarsi in una parte del mercato dove sinora Android ha sostanzialmente spadroneggiato, dato che iOS si concentra solo sulla fascia alta e medio-alta di mercato. Per abbassare i costi e le specifiche hardware, Microsoft ha preparato un aggiornamento specifico, il tanto chiacchierato "Tango".

Immagine da The Verge.

Il Lumia 610, dall'aspetto simpatico e giovanile, ha un processore single-core da 800 MHz e 256 MB di RAM. La fotocamera è da 5 Megapixel. Le prime impressioni a caldo di chi l'ha provato sono quelle di un onesto terminale, per la fascia a cui si rivolge: il nuovo aggiornamento di Windows Phone 7.5 ha reso il sistema capace di accontentarsi di risorse più limitate. L'arrivo è previsto nel corso del prossimo trimestre a un prezzo di 189 €, tasse escluse. Considerando appunto l'aggiunta dell'IVA, forse si poteva ancora limare un pochino.

Anche nuovo software, per i Lumia. Nokia Drive, l'app gratuita di navigazione GPS, è stata aggiornata alla versione 2.0: l'interfaccia grafica è stata rivisitata e i limiti di velocità vengono segnalati in tempo reale tramite notifiche. Anche una mancanza della prima versione, ossia la possibilità di usarlo in modalità offline senza connessione dati, è stata finalmente colmata e ora gli utenti di Nokia Drive su Windows Phone 7 possono godere di tutte le features già apprezzate nell'edizione per Symbian. Novità assoluta, invece, è Nokia Reading, in parte un lettore RSS, in parte una sorta di iBooks per il sistema operativo mobile Microsoft. Oltre alle notizie provenienti dai feed, infatti, tramite questa applicazione è possibile leggere eBook e ascoltare audiolibri. L'azienda finlandese ha già stretto alcuni accordi per la pubblicazione di magazine in formato digitale su Nokia Reading, ed è previsto un futuro aggiornamento che consentirà agli utenti di avere il flusso di news in tempo reale direttamente nella schermata iniziale attraverso una "tile". Terza app del lotto, infine, è Nokia Transport, già conosciuta su Symbian, che consente di ottenere informazioni dettagliate riguardo i sistemi di trasporto di 46 tra le principali città mondiali, con aggiornamenti in tempo reale su traffico, deviazioni ed eventuali soppressioni di corse.

È tutto, per quanto riguarda Nokia. Ma il lunedì al Mobile World Congress è ben lungi dall'essersi concluso: alle 13.30 parleremo di Asus e dell'altra sorpresa ZTE, cinese come Huawei e vogliosa di dimostrare ai concorrenti più famosi le sue capacità. A dopo, quindi.