Sono pienamente convinto che ogni app debba essere valutata dal punto di vista dell'utente al quale il programmatore si rivolge e non necessariamente da quello di chi scrive una recensione. Ho fatto questa premessa perché ritengo di essere fin troppo sbadato per rappresentare un target appetibile per chi ha creato MoneyWiz (più avanti sarà evidente il perché). Il mio punto di vista però, probabilmente, è quello della maggior parte di chi leggerà questa recensione, spero quindi che l'apprezziate.

MoneyWiz è un software universale per iPad e iPhone, sviluppato da SilverWiz, che vi permette di tenere traccia delle vostre spese in modo talmente preciso, flessibile e puntuale da sembrare più uno strumento da lavoro di tipo professionale che un'app "casalinga". L'interfaccia per iPad è abbastanza pulita: le sezioni del programma in una colonna a sinistra, i contenuti in una grande finestra sulla destra. I dati sono facilmente leggibili ed è possibile ordinarli secondo vari parametri, ogni voce è inoltre espandibile in modo da mostrare eventuali informazioni aggiuntive. Alcune icone aiutano infine a riconoscere le categorie associate.

Le sezioni sulla sinistra sono 5: Conti, Bilanci, Programmate, Rapporti, Impostazioni. Conti contiene la lista delle fonti finanziarie: il conto corrente personale, il conto titoli, le carte tipo Postamat, il portafogli etc. Ognuno di queste fonti potrà essere "popolata" dai dati dell'utente quali ad esempio lo stipendio, i bonifici fatti o ricevuti, le spese di bancomat, il ritiro di contanti e così via. Ognuna di queste voci può (o meglio, deve) essere associata ad una categoria (divertimento, mutuo, trasporti, cibo, spese mediche…), ad una data, un'icona e ad altre categorie che possiamo inserire manualmente, oltre ovviamente all'importo interessato. Fortunatamente è possibile sia duplicare che modificare le voci precedentemente inserite così come inserire degli input ricorsivi (ad esempio la rata mensile dell'automobile o del mutuo). E' inoltre possibile importare dati precedentemente in proprio possesso tramite i formati OFX, QFX QIF, mentre l'esportazione è possibile in PDF e CSV.

Bilanci è una funzione abbastanza avanzata che raramente si trova in software meno professionali di MoneyWiz: si possono impostare delle categorie (Divertimento, Alimentari, Casa, Trasporto, etc.) e assegnare ad ognuna un budget in un intervallo di tempo. Tutte le voci di spesa presenti in Conti, se adeguatamente inserite nelle rispettive categorie, risulteranno all'interno del relativo bilancio. Un grafico a barre mostrerà a che punto del nostro budget di spesa (discreto o globale) ci troviamo. Questa funzione è ancor più utile dal momento che MoneyWiz ci permette di creare delle voci fisse e ricorsive che non siamo costretti ad inserire ogni mese/anno. Eventuali spese extra saranno quindi più facili da evidenziare.

Programmate (penso che si sottintenda "spese") è un calendario che mostra le entrate ed uscite che si ripetono con una cadenza prefissata. Rapporti, invece, mostra tramite comodi grafici l'andamento dei vostri conti, come sono distribuite percentualmente le entrate e le spese tra i beneficiari di questi, il saldo, le tendenze, le previsioni, quanto le categorie incidano sui bilanci e le statistiche generali (queste però sotto forma di listato).

Impostazioni ci permette infine di definire tutti i dati necessari al corretto funzionamento del programma, fra questi le categorie, i beneficiari, le valute, le opzioni di importazione e i dati per il servizio di sincronizzazione automatica tramite cloud, Sync Everything. Questo servizio, gratuito, è estremamente comodo per chi fa un uso in mobilità di questo programma, soprattutto tramite la versione per iPhone, che gode di una grafica leggermente meno curata e chiara. Immaginate di trovarvi al supermercato, poi dal benzinaio e infine in birreria: difficilmente sfoderereste il vostro iPad e tantomeno sareste disposti a segnare i dati su un "foglio di carta 1.0", se potete fare sfoggio del vostro iPhone!

Fino a qui la descrizione delle funzioni di questo ottimo programma; quello che però è forse più interessante è un'analisi pratica di un software di questo genere: la prima cosa che mi viene in mente è che MoneyWiz è un programma tanto completo quanto complesso per un uso "familiare". Un'impostazione delle categorie "alla leggera" potrebbe vanificare il vostro certosino lavoro di raccolta dati nel momento in cui vi rendeste conto che, ad esempio, sarebbe stato meglio prevedere delle sotto-categorie per certi tipi di spesa. Inoltre l'idea di concepire il portafogli come un conto a parte, come suggerisce l'app, è secondo me ingestibile ma quando si comincia a derogare in questi piccoli casi è l'inizio della fine: programmi di questo genere necessitano di una precisione, puntualità e costanza secondo me ingestibili per un utente medio. Per questo ritengo che sia più adatto ad un uso aziendale: una ditta che gestisce diversi venditori che hanno ognuno un proprio conto spese con budget limitati può fare largo uso soprattutto dei grafici che rappresentano la punta di diamante di questo software, insieme alla sincronizzazione via cloud, soprattutto considerando che a breve verrà presentata la versione per Mac, l'ideale per controllare da un ufficio apposito l'andamento dei conti dei dipendenti.

Mi sento di tributare un plauso per l'idea di tradurre il software in italiano ma il lavoro purtroppo non è stato svolto in modo professionale: alcuni termini sembrano infatti tradotti in modo automatico mentre altri mostrano un intervento umano, che rendono tutto l'insieme alquanto strano. Non è un difetto insormontabile, comunque, e confidiamo che nelle versioni future la traduzione italiana risulterà più curata. Simpatica anche l'idea di incorporare una piccola calcolatrice, anche se il convertitore di valute è a dir poco inutile perché mostra solo il rapporto 1:1 fra queste. Un'altra bella idea è quella di prevedere degli avvisi automatici nel caso si superi un limite di spesa prestabilito.

voto 4Conclusioni e costi
Penso che MoneyWiz meriti due distinte osservazioni finali a seconda degli ambiti. Il professionista gongolerà per la sincronizzazione via cloud, gli alert automatici, l'alto livello di personalizzazione possibile, i grafici, l'esportazione in PDF e CSV, la possibilità di prevedere dei budget e la versione per Mac in arrivo a breve. L'utente medio riuscirà invece ad apprezzare ben poche di queste opportunità e con ogni probabilità si fermerà di fronte ad una complessità troppo elevata per un normale bilancio familiare. Il voto complessivo è di 4 stelle proprio per la sua vocazione e le sue potenzialità "business oriented": se guardassimo solo sul piano consumer sarebbe leggermente inferiore per le ragioni sopraccitate. Per quanto riguarda il prezzo, identico tra la versione iPad e quella iPhone, è ragionevolissimo per un uso domestico (3,99€), un vero affare se ne si immagina un uso professionale.

PRO
 Sincronizzazione su cloud
 Ottime possibilità di personalizzazione
Alert di spesa
Budget
Per iPhone, iPad e a breve anche per Mac
Grafici
Esportazione e importazione

CONTRO
 Troppo complesso per un uso casalingo
Traduzione migliorabile
Convertitore di valute inutile