Da giugno 2010, come ben sappiamo, Apple ha puntato molto su quella che è una delle migliori caratteristiche dei più recenti iPhone: il Retina Display. E anche se oggi molti produttori usano in misura crescente display equivalenti o superiori, quello montato sullo smartphone di Cupertino resta ancora uno dei migliori nel suo settore. Finora, però, la spinta sulla nuova tecnologia da parte dell'azienda era un po' a metà: sull'App Store, infatti, l'uso di screenshot in risoluzione Retina Display era solamente consigliato, ma non obbligatorio. Col risultato che la maggioranza ha proseguito a offrirli nella più classica risoluzione 480x320, quella vista fino al 3GS. Ora, come riporta Cult Of Mac, Apple ha preso più di petto la situazione e il consiglio è diventato obbligo.

Proprio alcune ore fa sono arrivate notifiche via e-mail a tutti gli sviluppatori iscritti sull'App Store, recante il seguente messaggio, qui tradotto:

Richiesto aggiornamento per Retina Display degli screenshot per iPhone e iPod touch

Quando crei o aggiorni le tue applicazioni su iTunes Connect, devi caricare screenshot in alta risoluzione. Richiediamo che i tuoi screenshot siano in alta risoluzione per dimostrare che la tua app è ottimizzata per il Retina Display.

I requisiti per le immagini in alta risoluzione sono 960 x 640, 960 x 600, 640 x 960 o 640 x 920 pixel. Le immagini devono essere ad almeno 72 dpi, col modello colori RGB e il file deve essere .jpeg, .jpg, .tif, .tiff, o .png. Puoi aggiornare i tuoi screenshot in ogni momento su iTunes Connect.

Non c'è più scelta, quindi: chi vuole sviluppare applicazioni per iPhone dovrà farlo per forza mettendo in primo piano i modelli più recenti. A dire il vero ci aspettavamo che una mossa del genere venisse fatta molto prima, da Apple.

Cult Of Mac vede in questa nuova imposizione una condanna a morte per l'iPhone 3GS, al prossimo giro di aggiornamenti per il Melafonino, similmente a quanto dicemmo qualche giorno fa nelle nostre previsioni sugli iDevices. Tuttavia loro sembrano farla un po' più drastica, ipotizzando addirittura una cessazione di qualsiasi supporto. La vediamo dura, almeno nel breve termine: considerando che il 3GS possa rimanere in vendita ancora fino a ottobre, è impensabile che Apple lasci tutti i nuovi acquirenti "al buio". Perciò è solamente un obbligo più promozionale che tecnico, le app per 3GS non scompariranno ancora per un po', probabilmente per più di un anno. Un'altra ipotesi possibile, agganciandoci sempre ai discorsi fatti sui prossimi iPhone, è che la risoluzione Retina Display possa sostituire la vecchia come requisito base, in vista di un nuovo aumento futuro sull'hardware. Ma su questo, per ora, è praticamente impossibile dire altro con certezza alcuna.