All'inizio del mese vi avevamo parlato della Release Candidate 1 di VLC 2.0, la nuova versione del popolare player multimediale, apprezzato da molti per la sua leggerezza e l'abilità nel "digerire" anche i formati più ostici. La Release Candidate, per sua natura, è uno stadio molto vicino a quello finale in termini di funzionalità e prestazioni. Il team di VLC, fatti gli ultimi accorgimenti, ha evidentemente ritenuto il player pronto per la sua "nuova vita", rilasciando la versione finale.

Come abbiamo già detto nell'articolo precedente a riguardo, VLC 2.0 per Mac porta una interfaccia completamente ripensata, molto attraente e anche decisamente più coerente con lo stile grafico del sistema operativo Apple. Non manca all'appello il supporto alla modalità a tutto schermo di Lion e Mountain Lion, come si può vedere dal pulsante alla destra nella barra del titolo che in questi mesi ormai ci siamo abituati a trovare in molti programmi ottimizzati per le recenti versioni di OS X. Tra le altre novità, VLC 2.0 introduce miglioramenti per quanto riguarda l'accelerazione hardware tramite GPU e processori a più core, nonché un supporto ai dischi Blu-Ray, seppur definito ancora sperimentale.

Abbiamo fatto una veloce prova con un famoso filmato disponibile in Rete gratuitamente, Big Buck Bunny. Come per la Release Candidate, il risultato in riproduzione con questi tipi di file (MP4, DivX...) è stato nel complesso soddisfacente, a parte delle incertezze iniziali risoltesi nel giro di pochi secondi. Ci riserviamo di fare ulteriori verifiche per quanto riguarda i MOV, rivelatisi degli ossi duri per la build precedente, con vistosi artefatti.

VLC 2.0 è disponibile per tutti i Mac con processore Intel, ma, ormai caso più unico che raro, il team di sviluppo non si è dimenticato dei vecchi PowerPC, offrendo una versione apposita. Considerato come Apple e altre abbiano di fatto interrotto qualsiasi legame con la passata architettura, fa piacere vedere qualcuno che si dedichi ancora ai Mac più anzianotti.