Oggi la Specific Media ha svelato il nuovo MySpace: il primo sito ad aver dato il via alla diffusione dei social network (ricordo ancora quando tutti i miei amici erano su MS e io mi ostinavo a convincerli a migrare su Facebook) qui in Italia si rinnova.

La società di Justin Timberlake, che ha rilevato il sito nel giugno del 2011, ha annunciato il tanto atteso restyling grafico, che promette di riportare il social network alle origini, affondando nuovamente le sue radici nella musica: sarà possibile condividere e ascotare brani e playlist (oltre che foto, video ed eventi), entrare in contatto diretto con le star della musica mondiale e creare reti di amici che condividono i nostri stessi interessi.

MySpace prende ciò che di buono c'è in Facebook (da cui può importare foto e video), Twitter (il contatto diretto con gli artisti), Google+ (le reti sociali sono l'equivalente delle cerchie) e Pinterest (l'interfaccia grafica, pulita ed essenziale, ma qui a scorrimento orizzontale e non verticale), integrando il tutto con una barra sul bordo basso della finestra che integra un player musicale.

Dopo aver visto il video di presentazione (che trovate in cima a questo post), ho subito pensato al moribondo Ping, il social network musicale lanciato da Apple con iTunes 10 e che vedrà la sua fine il prossimo mese con il rilascio di iTunes 11. Ping sarebbe dovuto essere ciò che MySpace potrebbe diventare: un vero e proprio social network che richiama appassionati di musica mettendoli in contatto con i loro artisti preferiti, permettendo di interagire con loro e con i propri amici e di ascoltarne i brani durante la navigazione, magari svincolata dalla finestra di iTunes. La stessa interfaccia grafica, lo stile minimale e i font utilizzati, avvicinano MySpace più allo stile Apple che a quello di Facebook, a mio parere più confusionario.

Tim Cook ha dichiarato che Apple ha la necessità di essere più sociale, ma che non ha bisogno di un proprio social network: eppure io vedrei il nuovo MySpace perfettamente integrato nella galassia dei servizi di Cupertino, magari con l'integrazione di Game Center nei profili.

Se siete interessati, è possibile richiedere un invito per l'accesso al nuovo social network non appena sarà lanciato.