Di iOS 6 abbiamo più o meno imparato ad utilizzare tutto, per quanto riguarda le novità che ha portato con sé sui dispositivi supportati. Tutto, o quasi. Una funzionalità è rimasta finora nell'ombra: Eyes Free. Presente all'interno di Siri, consente di integrare i servizi telematici della propria automobile con iOS. I principali comandi potranno essere impartiti all'assistente virtuale tramite un apposito pulsante sul volante. Non è una feature attivabile su qualsiasi veicolo, perciò sarà riservato ai nuovi modelli delle principali case automobilistiche. In prima linea vi sarà Chevrolet, famoso marchio di casa General Motors, i cui modelli sono venduti anche qui (inclusa l'iconica muscle car Camaro). Si inizierà dalle più piccole di gamma, ossia la Spark e la Sonic, nome dato oltreoceano al modello da noi conosciuto come Aveo.

© General Motors (via AppleInsider).

L'annuncio è stato dato dall'azienda di Detroit a ridosso del Salone Internazionale Automobilistico di Los Angeles, che aprirà i battenti al pubblico il 30 novembre. Eyes Free sarà integrato nel sistema MyLink di Chevrolet, con pieno supporto per iPhone 4S e 5, i quali possono disporre sia di iOS 6 che di Siri. Almeno per il mercato statunitense, i primi lotti di produzione di Spark e Sonic dotate della funzionalità debutteranno agli inizi del prossimo anno. Nulla, al momento, per quanto riguarda l'Europa.

Per quanto riguarda la Spark, Eyes Free non sarà l'unica novità del 2013. Nel listino sarà introdotta una versione EV, con motore elettrico. Si parla di prestazioni di tutto rispetto per una citycar, 130 CV con coppia di 542 Nm e accelerazione da fermo dichiarata di 8 secondi circa (il valore è basato sullo 0-60 in miglia orarie, ma poiché 60 mph sono 96 km/h è valido anche per il classico 0-100 al di là di qualche lieve differenza in decimi). Ad alimentare il tutto vi è un pacchetto di batterie al litio per un totale di 254 kg, garantite per 160.000 km. Il sistema Combo Fast Charging consente di ricaricare fino all'80% in 20 minuti, utile dunque in situazioni dov'è necessario ripartire velocemente. La ricarica tramite normale presa di corrente ha invece tempi stimati di 7 ore. Purtroppo nessun riferimento all'autonomia di ogni singola carica, dato che sarà importante per capire effettivamente quanto potrà essere competitiva sul mercato la Spark EV. Rispetto alle classiche versioni, sono state fatte anche varie modifiche aerodinamiche, la più visibile tra tutte quella alla griglia anteriore. I colori disponibili saranno Electric Blue, Black Granite, Summit White, Silver Ice e Titanium. In uscita nella prossima estate in alcune parte degli USA e in Corea del Sud, il prezzo americano sarà di 25.000 $, comprensivo di incentivi locali. Si tratta di una cifra indubbiamente alta per una citycar, ma allineata al trend già visto per altre vetture totalmente elettriche di segmento superiore comparate con le versioni a benzina o diesel. Per l'Europa non vi sono al momento notizie su un suo debutto.

© General Motors

Tornando in conclusione di articolo ad Eyes Free, General Motors dovrebbe presto essere seguita da altri costruttori, in particolare Audi, BMW, Chrysler, Honda, Jaguar, Land Rover, Mercedes-Benz e Toyota. Sebbene sia presente la casa di Auburn Hills da lei controllata, Fiat non è al momento entrata nell'elenco (in alcuni suoi modelli, come la Punto, è presente però da tempo il sistema Blue & Me, sviluppato in collaborazione con Microsoft; ha però minori funzionalità rispetto alle soluzioni basate su Eyes Free), così come Volkswagen che almeno per il momento si accontenta di partecipare tramite il suo marchio premium di Ingolstadt, Audi. È però molto probabile che qualora la proposta di Apple prenda piede, la sua adozione all'interno del mercato automobilistico crescerà sensibilmente.