Si amplierà a breve la scelta relativa alle applicazioni cartografiche su iOS. Se nel frattempo Google latita a presentare Maps sull'App Store, forse per timori su un rifiuto da parte di Apple, dall'altro lato Nokia non si pone questi problemi e presenta la nuova iterazione del suo servizio mappe: Here.

Here farà affidamento sull'esperienza di Nokia nel settore, sia tramite il già conosciuto Maps sia attraverso le competenze di Navteq, ormai in mani finlandesi da più di 4 anni. L'applicazione sarà largamente basata sull'uso di HTML5 e oltre alle funzionalità già viste sulle soluzioni per Windows Phone e Symbian, inclusa una modalità di navigazione offline, comprenderà mappe 3D in linea con le soluzioni di Apple e Google. A tal proposito, è stata effettuata l'acquisizione della californiana earthmine, specializzata nel settore.

Nokia Here, oltre naturalmente allo sbarco su Windows Phone, arriverà in una versione per iOS nelle prossime settimane, gratuitamente. Nel corso dei prossimi mesi arriverà anche su Android e Firefox OS, il sistema operativo mobile di Mozilla ancora in fase di sviluppo e con debutto commerciale previsto per il prossimo anno.

La notizia non può che farci indubbiamente piacere, dato che andrà ad aumentare la competitività nel settore. La mossa dell'azienda guidata da Stephen Elop avrà probabilmente colto qualcuno di sorpresa in quel di Mountain View, i quali ora hanno uno sprono per rilasciare in tempi brevi Maps sullo Store (un rifiuto da parte di Apple apparirebbe troppo plateale e politico). Nemmeno Eddy Cue sarà molto contento, il quale si ritroverà ora ulteriore pressione per migliorare le mappe Apple dopo l'addio di Forstall. Uno scossone forte ai grandi duellanti, alla fine, ci voleva, a beneficio di noi utenti.