Quest'anno inauguriamo una nuova tradizione per SaggiaMente, una sorta di premiazione dei migliori prodotti degli ultimi 12 mesi. Questo primo articolo sarà dedicato alle fotocamere, prendendo in considerazione non solo quelle da noi recensite approfonditamente, ma anche altre che abbiamo avuto modo di provare più rapidamente nel corso dell'anno. Non ci saranno moltissimi "podi" ma ci concentreremo su quelli a noi più cari.

PowerShot_SX260_HS

Compatta tuttofare:
Canon PowerShot SX260 HS
Scegliere una compatta è sempre più difficile. Con gli smartphone che migliorano di generazione in generazione ed i costi delle mirrorless in picchiata, questo segmento risulta ogni anno meno attraente. Il prodotto che abbiamo scelto non è il più economico ma è, a nostro avviso, il migliore di due categorie. Grazie ad uno zoom ottico stabilizzato 20x (25-500mm), la SX260 entra di diritto nel regno delle "superzoom", solitamente appannaggio esclusivo delle bridge. Come queste ultime offre un pieno controllo manuale dei parametri di scatto, oltre che funzionalità completamente automatiche molto evolute. Alla base vi è un sensore CMOS da 12,1 megapixel ad alta sensibilità, accoppiato ad un potente e rapido processore DIGIC 5. Non manca la registrazione video Full HD e spicca per la presenza del modulo GPS per localizzare le nostre foto. È disponibile in diverse colorazioni con prezzi a partire da 210€.

rx100

Compatta prosumer:
Sony RX100
Anche il mercato delle compatte prosumer aveva bisogno di qualcosa di nuovo, con modelli che iniziavano ad aggiornarsi in modo stantio di anno in anno, senza apportare reale innovazione. L'anno scorso l'idea migliore era stata di Olympus, con la XZ-1, mentre il 2012 è senza dubbio di Sony che, con la RX100, ha innalzato in modo netto il livello di qualità fotografica ottenibile con una compatta. Grazie al sensore da 1", il salto rispetto la migliore prosumer pre-RX100 è incredibile. Ci si trova con una qualità molto simile a quelle delle reflex APS-C (paragonabile grosso modo a quella delle Nikon serie 1) in un corpo incredibilmente compatto. Ci sono poi controlli manuali molto evoluti a completare il quadro. Sicuramente migliorabile l'ergonomia data la completa assenza di una impugnatura sporgente. Il prezzo di lancio era elevato ma con le attuali 485€ è difficile trovare qualcosa di meglio in questo campo. Particolarmente indicata per il professionista o l'amatore evoluto, già dotato di corredo reflex, che voglia il massimo della qualità nel taschino.

nex6

Mirrorless:
Sony NEX 6
Le micro quattro terzi continuano ad offrire il più vasto parco di corpi ed obiettivi e, mentre stiamo provando la Panasonic GH3, non possiamo che considerarla come un nuovo punto di riferimento. Tuttavia per le mirrorless questo ci è sembrato l'anno di Sony. L'azienda ha finalmente aggiunto degli obiettivi importanti al proprio listino ed altrettanti sono in arrivo nel 2013, ma in quanto a corpi e funzionalità non ha nulla da invidiare alle migliori reflex. Sulla NEX 7 (recensione) abbiamo speso fiumi di parole e questo rimane ancora il corpo di riferimento per alcune caratteristiche, come l'ingresso audio. Tuttavia è la nuova NEX 6 a rappresentare il futuro, con un corpo compatto, ampio sensore APS-C, controlli completi, buona ergonomia, wi-fi integrato e disponibilità in kit con il nuovo 16-50 collassabile. Il prezzo è di circa 890€ con obiettivo ed offre qualità video e fotografica assolutamente invidiabili, in un corpo piccolo e robusto.

nikon-d3200

Reflex APS-C entry-level:
Nikon D3200
Non ci è mai piaciuto quando si rincorrono i numeri a dispetto della qualità. Che si tratti di ISO o megapixel poco importa. La Nikon D3200 potrebbe sembrare un'inutile esagerazione visti i suoi 24.7 megapixel in un corpo da entry level, ma i risultati sono decisamente oltre le aspettative. Con questa piccoletta dal corpo plastico, si rischia di portare a casa degli scatti facilmente confondibili con quelli di una reflex professionale. Inoltre eredita tutte le doti per fare ottimi video, con tanto di supporto per microfono esterno. Anche il prezzo non è affatto male, perché con poco più di 500€ si compra con l'obiettivo del kit.

nikon-d600

Reflex FullFrame entry-level:
Nikon D600
Le APS-C top di gamma sono letteralmente sparite quest'anno, perché i produttori si sono concentrati nel realizzare una nuova gamma di FullFrame di ingresso. Canon con la 6D ha giocato bene le sue carte, con un sensore valido (ottimo per gli alti ISO nel video) e l'inedita dotazione di serie di Wi-Fi e GPS. Nikon però sembra aver fatto un lavoro migliore con la D600, grazie ad un AF a 39 punti di cui 9 a croce (contro gli 11 e 1 solo a croce della 6D), un mirino al 100% (e non al 97%), 2 slot per SD (invece di 1), scatto a raffica più rapido, flash integrato con controllo wireless, uscita per cuffie e prezzo leggermente inferiore. Sono entrambi buoni prodotti per i rispettivi brand, ma l'interpretazione di Nikon di questa "FullFrame economica non troppo economica" ci sembra meglio riuscita.

5d-mark-iii

Reflex Full Frame:
Canon 5D Mark III
Quest'anno sono usciti prodotti davvero incredibili in questo segmento e la Sony A99 è sicuramente la più innovativa. Dal canto suo Nikon ha piazzato un colpo perfetto con la D800 (recensione) andando ad elevare le possibilità delle FullFrame fino a spalleggiare le medio formato. La fotocamera Sony è ancora troppo giovane affinché si possa veramente valutare dai risultati, mentre abbiamo testato per mesi la D800 e la Canon 5D Mark III. Guardando la scheda tecnica i numeri favoriscono Nikon su molti aspetti, tuttavia i suoi 36 megapixel non sono sempre facilissimi da gestire e le vibrazioni del corpo richiedono tempi di scatto più rapidi rispetto la precedente D700 e la Mark III, altrimenti si rischia il micromosso. La D800 si è dimostrata valida per il video e l'uscita non compressa può far gola, ma anche in questo caso abbiamo preferito la Mark III per via dei migliori colori ottenibili e del più vasto parco di accessori a disposizione del videomaker professionale. Inoltre per la prima volta il corpo Canon non è inferiore a quello Nikon in termini di AF e di funzioni, andando a colmare il gap rispetto la casa giallo nera sotto moltissimi punti di vista. La Mark III è proprio di un'altra pasta rispetto la Mark II, una fotocamera valida nella sostanza ma lontana anni luce dal modello attuale per ogni singolo aspetto. Il prezzo è ancora elevato con i suoi 2800€ per il solo corpo, ma confidiamo che nei prossimi mesi si possa ottenere con una spesa inferiore.

Concludiamo qui questo primo post dedicato alle SaggeScelte del 2013.