Non tutte le novità rappresentano un miglioramento tuttavia è bene sforzarsi di non essere troppo restii di fronte ai cambiamenti, perché sono l'unico strumento di cui disponiamo per crescere e progredire. OS X 10.8 Mountain Lion si è dimostrato un buon sistema operativo e segue l'onda di cambiamento introdotta dal precedente Lion, esattamente come da copione per Apple. Molti lamentano la migliore stabilità delle versioni precedenti e qualche imperfezione qua e là si trova veramente, tuttavia c'è da stupirsi della sua larghissima adozione. Il motivo è che sistemi come versioni ed auto salvataggio hanno avuto un impatto enorme sulle comuni abitudini nella gestione dei documenti, magari non per giovani rampanti che digeriscono il cambiamento come caramelle ma tendo a pensare che una modifica così estesa nel modo di lavorare avrebbe causato molti più turbamenti nell'utenza del mondo Windows. Non leggetela come un offesa, anzi, se per questo siamo noi utenti Apple ad essere troppo inclini a subire i cambiamenti imposti dall'alto. Abbiamo imparato a duplicare un file prima di modificarlo per evitare che l'auto salvataggio cambiasse il precedente e vi garantisco che io ho dovuto faticare molto per matabolizzarlo ed ancora oggi non è un sistema che mi faccia impazzire. Cerco comunque di scenderci a patti perché ne apprezzo altri aspetti positivi nel recupero dei dati e rimango perciò sulla barca che Apple ci ha costruito per farci muovere da un sistema operativo al successivo.

L'articolo inizia qui. L'ho messo bello in evidenza in modo da sottolineare ad un primo sguardo che il resto sono solo chiacchiere. Lo scopo era di ricordare quelle funzioni che alcune cose vanno perdendosi tra un felino ed il successivo e, tra queste, vi era una maggiore praticità di accesso alle periferiche di rete. Attualmente i dispositivi network ci appaiono sulla sinistra, nell'area "condivisi", non sempre celermente. Inoltre se si utilizzano un bel po' di posizioni preferite nella barra laterale – per me fondamentali – finisce che arrivino troppo in basso e si deve aprire la finestra del Finder a dismisura – o collassare i preferiti cliccando a destra del testo – per poterli visualizzare.

condivisi

In passato vi era una posizione Network nel Finder, dalla quale si vedeva la rete locale e tutti i dispositivi visibili. Il passaggio da quel sistema a questo è probabilmente migliorativo ma ho sempre preferito il sistema precedente: una sola voce in cima e poi i preferiti per accesso rapido solo quando serve. In quel modo si aveva sempre la possibilità di navigare la rete e di forzare un refresh delle posizioni attive.

leopard-finder-071008-4

L'ultimissima build di OS X 10.8.3, il cui rilascio sembra ormai opera di una telenovela potrebbe apportare un interessante ritorno al passato su questo argomento. Dico potrebbe perché se anche sia apparsa una voce "Network" in cima alle posizioni preferite questa non funziona e non appare neanche nelle voci gestibili da Preferenze del Finder.

beta

Volete vedere dove dovrebbe portare? È semplicissimo. Cliccate su una qualsiasi delle posizioni di rete che appare in condivisi e subito dopo premete cmd+freccia sopra.