Con un evento stampa dedicato e tenutosi oggi a Londra, Nokia ha presentato il suo ultimo smartphone di fascia alta, il Nokia Lumia 925 Pure View.

Come tutti i Lumia, è equipaggiato con Windows Phone 8, ma gli aspetti su cui soffermarsi sono altri. Innanzitutto, i materiali: dopo due anni di scocche colorate in policarbonato, Nokia sembra aver fatto tesoro della prima critica che è solitamente mossa ai rivali di Apple, ossia la mancanza dell'impiego di materiali nobili come alluminio e vetro nella costruzione dei terminali.

Il retro del Nokia 925 si presenta così con una cornice in alluminio (ma con retro in policarbonato, nei colori bianco, nero o argento), più leggera e sottile di quella in plastica del suo predecessore 920, dal quale mutua tutte le altre caratteristiche hardware, eccezion fatta per la fotocamera che ora è una PureView, ma solo di nome: infatti, a differenza del Nokia 808, il primo della serie con super fotocamera, il 925 non monta un sensore più grande, ma lo stesso del 920 con solo un cambio di lente e un aggiornamento del software dedicato al comparto foto che, tra l'altro, è previsto anche per il suo predecessore.

nokia-925-thumb-620x465

Infine, l'aver adottato l'alluminio ha costretto Nokia a sacrificare la ricarica wireless, la feature sulla quale punta sin dall'introduzione del Lumia 820 e del Lumia 920. Chi dovesse sentirne la mancanza, potrà comunque ricorrere a delle cover colorate in policarbonato ad hoc: sembra quasi uno scherzo escogitato dalla casa finlandese a danno dei propri utenti.

Dopo tanti piccoli passi in avanti (grazie anche a Microsoft che migliora sempre più Windows Phone 8), Nokia, è riuscita ad avere una battuta d'arresto: l'alluminio non è sempre sinonimo di qualità, visto che il Lumia 925 sembra essere un terminale poco innovativo, anonimo e che passerà in sordina. Un'altra occasione persa per Nokia.