L’idea di Microsoft è che Windows non debba conoscere confini tra desktop e tablet, e i vari produttori si stanno impegnando per concretizzare tale filosofa nell’hardware. Per questo motivo sono nati molti “ibridi”, un po’ computer portatile, un po’ dispositivo mobile, a partire dal noto Asus Transformer. All’interno di questo approccio teoricamente unitario si è però creata una frattura, dovuta al fatto che su tablet l’architettura ARM è più efficiente, in termini di prestazioni/consumi, ma non supporta il sistema operativo e le applicazioni destinate al normale Windows x86 (quello che si installa su macchine con CPU Intel/AMD). In sostanza si può acquistare un tablet come il Surface RT, che mostra delle schermate apparentemente identiche a quelle di Windows 8, per poi scoprire che, essendo basato su chip ARM, non può far “girare” le applicazioni che si userebbero sul proprio PC. Allo stato attuale l’unico modo per avere l’esperienza Windows completa anche su tablet è quella di sceglierne uno con architettura x86, come il Surface Pro o l’Asus VivoTab Smart.

asus-vivotab-smart

Caratteristiche principali

In un mercato oramai saturo di tablet, cos’è possibile offrire di più e ad un prezzo concorrenziale? Ci prova Asus, con il suo VivoTab Smart. Un ibrido che potrebbe essere ben accolto grazie ad un buon prezzo ed al sistema operativo Windows 8 che, a differenza della sua versione RT, è compatibile con tutti i software “da PC”. Un tablet che può diventare anche un normale portatile ha i suoi vantaggi, ma non è tutto oro ciò che luccica. Almeno non sempre.

Non forse fra i tablet più sottili, nonostante i suoi 265 mm di altezza e 171 di larghezza, il VivoTab Smart risulta comunque maneggevole con un peso relativamente ridotto: 580 gr. contro i 654 dell’iPad ed i 680 del Surface RT (e sarebbe più corretto paragonarlo con il Pro che ne pesa 900). Al suo interno ospita un processore Intel Atom Z2760 Dual Core da 1.8GHz, 2GB di RAM ed un SSD da 64GB. (di cui solo 30GB utilizzabili). Il display è un LCD da 10,1” in formato 16:9, con 1366 x 768 pixel ed una densità di 156dpi. La retroilluminazione è a LED e la tecnologia IPS migliora la resa dell’immagine e dei colori anche da visuali angolate.

asus-vivotab-smart-intel

La fotocamera posteriore è da 8Mpx con flash LED e capacità video FullHD, mentre quella frontale è una 2Mpx. Il dispositivo integra accelerometro, bussola, giroscopio, GPS, mentre ai suoi lati è possibile individuare 1 jack 3,5mm per uscita audio + microfono, 1 micro HDMI (protetto da uno sportellino non troppo pratico), 1 Micro USB ed 1 slot Micro SD. La connettività è assicurata dal Wi-Fi 802.11 b/g/n 2.4GHz, mentre con circa 100€ in più si può scegliere il modello con tecnologia 4G LTE. Presente Bluetooth 4.0 ed NFC che consente di scambiare dati con dispositivi compatibili semplicemente avvicinandoli (nel raggio di 4cm).

asus

Corpo ed Ergonomia

Strutturalmente trasmette una sensazione di robustezza e compattezza, con una linea che favorisce una buona presa e consente un comodo utilizzo in qualsiasi situazione. La scocca è in policarbonato, non appare rigida e robusta come quella di un iPad, ma è comunque resistente alle sollecitazioni. I bordi sono arrotondati ed ospitano il controllo volume e la presa per cuffie e microfono sul profilo destro. Il tasto di accensione include un pratico LED di stato ed è posto sul profilo superiore, in alto a sinistra tenendo il tablet in modalità landscape (orizzontale). Il connettore per il display esterno (micro HDMI) e lo slot per le schede micro SD sono invece sul profilo sinistro.

asus-vivotab-accensione

Per poter sfruttare pienamente questo tablet, che monta un sistema Windows 8 completo, potrebbe essere opportuno avere anche la tastiera esterna. Purtroppo non ne esiste un modello dock e per acquistare quella Bluetooth più la custodia magnetica, che fornisce una base d’appoggio per il tablet, si spendono altre 130€. La tastiera è risultata molto comoda, con tasti morbidi, precisi e ben distanziati (anche se abbiamo ricevuto in prova un modello non italiano), meno bene il touchpad integrato. L’idea di averli insieme in un unico prodotto è buona, ma è risultato troppo sensibile al tocco comportando selezioni e spostamenti involontari nella modalità desktop. Inoltre essendo Bluetooth anche la tastiera deve essere ricaricata ma non fornisce un’autonomia aggiuntiva al dispositivo (cosa che accadeva con il Transformer).

asus-tastiera

Display

Molto ampio e godibile lo schermo da 10,1” in formato 16:9, anche se la risoluzione di 1366 x 768 pixel è proprio la minima possibile per Windows 8 in modalità modern UI e desktop. Non siamo certo ai livelli del Retina Display di iPad (2048 x 1536) e la densità di 156dpi è solo sufficiente ed il nero non risulta molto profondo, ma i testi sono comunque leggibili ed i colori ben calibrati. La luminosità massima è di 350 nits (500 nits quella dell’iPad) e lo schermo lucido può creare qualche difficoltà, ma con un po’ di accortezza per limitare i riflessi si riesce ad usare anche sotto la luce del sole.

La modalità portrait in 16:9 è davvero insolita, non si capisce bene se lo schermo sia troppo stretto o troppo lungo. Dopotutto la presenza del pulsante di accensione/spegnimento sul lato lungo denota un chiaro indirizzo per l’uso in modalità landscape, senso nel quale si sviluppa anche la modern UI di Windows 8. Sarebbe potenzialmente interessante per la navigazione web, dal momento che si può vedere molto contenuto, ma il testo risulta troppo piccolo finché non si effettua uno zoom.

asus-vivotab-smart-touch
Rapida menzione anche per il touchscreen capacitivo, molto sensibile e con il supporto al riconoscimento di cinque tocchi contemporanei, al fine di consentire l’uso esteso con un mano.

asus-vivotab-smart-fotocamera

Multimedia

Il VivoTab Smart possiede una fotocamera anteriore da 2Mpx con indicatore LED ed una posteriore da 8Mpx con sensore CMOS retroilluminato, ampia apertura f/2.2 e gruppo ottico a 5 elementi. Completano il quadro il flash Led e l’autofocus per le riprese video in FullHD. La fotocamera è sufficiente, risponde bene in condizioni di luce forte ma anche al chiuso, se ben illuminato. Rumorosa al buio, come ci si può aspettare da un sensore di piccole dimensioni. La messa a fuoco è un po’ lenta e vi è anche un vistoso gap tra la pressione del pulsante di scatto e l’effettiva cattura, sia per le foto che per i video. In modalità videocamera la qualità scende notevolmente, i filmati catturati in mp4 mostrano un fattore di compressione un po’ troppo aggressivo con i conseguenti artefatti. L’autofocus è continuo, non troppo rapido ma fluido, così come l’esposizione automatica. In entrambi i casi ci sono pochissimi controlli (non si può disattivare neanche il flash). Per fortuna Asus integra un’app supplementare per la fotocamera che aggiunge una marea di opzioni avanzate, compreso il controllo dei parametri di scatto, dell’ISO, del flash, ecc… più alcuni effetti grafici e la modalità panorama.

asus-fotocamera

Per quanto riguarda l’audio, lo speaker posteriore possiede la tecnologia SonicMaster, che dovrebbe offrire un suono potente ed avvolgente. I risultati sono validi anche se i bassi sono comunque poco valorizzari. Visto lo spazio a disposizione si sarebbe potuto gestire meglio l’audio, magari con una doppia griglia di altoparlanti, ma in conclusione è risultato buono anche se mono, non distorce ed è piuttosto alto. Gli auricolari non sono compresi nella dotazione.

asus-speaker

Prestazioni

Il VivoTab Smart stupisce per la velocità di avvio: solo una manciata di secondi a dispetto di molti altri sistemi, e Windows è già bello e pronto per essere utilizzato. La GPU Intel Graphics Media Accelerator (GMA) HD Graphics fa il suo lavoro, con l’interfaccia modern in particolare, rendendo fluide le animazioni, la visualizzazione di filmati in fullHD e foto, senza scatti o rallentamenti.

asus-start

La temperatura del sistema sotto sforzo si assesta intorno i 47–48° centigradi: i core con memoria grafica condivisa, in questa categoria, hanno il vantaggio delle minori emissioni di calore e della maggiore autonomia della batteria. Per ufficio, internet, image processing e video editing “semplice”, queste schede grafiche sono utilizzabili senza particolari problematiche. D’altro canto non sono tali da gestire in modo performante i moderni giochi 3D: soltanto i giochi un po’ “datati” e senza troppe pretese girano fluidamente su questo tipo di schede grafiche, con prestazioni inferiori al Tegra3 di Nvidia. Anche la CPU non è certo un fulmine e, seppure reagisca bene nell’uso quotidiano, non le si può chiedere di fare miracoli con applicazioni più pesanti, ad esempio Photoshop CS5 non è utilizzabile ad una velocità soddisfacente. Se parliamo invece delle applicazioni di Windows 8, queste risultano abbastanza fluide. Ottima anche la reattività del touch, sempre istantaneo e preciso. La schermata Start risponde velocemente, così come l’accesso alle app preinstallate. Ottime le prestazioni nella navigazione internet, grazie ad IE10 sfogliare le ultime notizie, sincronizzare i propri account o leggere la posta, è sempre molto piacevole.

Potendo contare su Windows 8, i 30GB residui sembrano un po’ pochi per l’installazione dei nostri software e l’archiviazione dei dati. Per di più il disco ha prestazioni piuttosto limitate e potrebbe costituire un collo di bottiglia in alcune circostanze: gli 80MB/s in lettura e i 35MB/s in scrittura, verificati nel nostro test, sono molto lontani dalle prestazioni di un disco SSD di fascia medio-bassa.

asus-vivotab-bench

L’utilizzo dell’ambiente desktop e delle relative applicazioni è sempre un po’ difficoltoso. La principale barriera risiede nella gestione dei pulsanti, delle icone e delle scritte, troppo piccole per essere facilmente gestisce con il solo tocco delle dita. Può essere comunque utile per un passaggio rapido, spesso necessario per raggiungere alcune funzioni, ma di norma sarà consigliabile utilizzarlo solo con la tastiera collegata.

Batteria

Il VivoTab Smart si affida ad una batteria agli ioni di litio da 6760 mAh, con una autonomia dichiarata di 9 ore. Con un uso medio non ho mai superato le 6/7, anche se la GPU era sempre operativa ed il display su luminosità elevata. Diciamo che offre una buona autonomia ed una certa tranquillità per un giorno di lavoro, seppur con qualche pausa intermedia. Consente di fruire dei propri contenuti multimediali per molte ore senza bisogno di alimentazione. In dotazione vi è il cavo Micro USB/USB a cui si collega l’alimentatore, ma si può anche ricaricare tramite il computer, anche se molto più lentamente.

asus-schermo

Sistema operativo e Applicazioni

Asus ha affiancato alle utility classiche di Windows 8 alcuni software propri, come la già citata “Asus Camera” e anche “My Library” per la gestione degli ebook, “MyDictionary” per la traduzione di parole singole e testi, “Asus WebStorage” per la gestione dello spazio cloud e l’utile “SuperNote” per prendere appunti e scrivere testi, ottimizzata per l’ambiente Metro.

Nota dolente è la non perfetta gestione delle applicazioni in background: se non terminate completamente, incidono sulle prestazioni di Windows 8, comportando diversi rallentamenti e piccoli scatti che vanno ad inficiare sulla fluidità del dispositivo.

voto 3,5Conclusioni

Tutto sommato si mantiene l’idea di un tablet che può essere usato come un computer completo, anche se nella realtà dei fatti si notano degli ovvi limiti. L’Asus VivoTab Smart non è dedicato a chi ricerca le prestazioni ma svolge egregiamente le operazioni del quotidiano (mail, internet, video, foto, ecc..). Se si vuole qualcosa in più sul fronte grafico si può optare per il fratello maggiore con PowerVR SGX545 ma, in quel caso, i costi lievitano. Il prezzo di vendita della versione solo Wi-Fi in prova è di 399€ su ApmShop.it. Questo è probabilmente uno dei principali punti di forza del dispositivo che, con un costo non troppo elevato, offre i vantaggi di autonomia ed immediatezza del tablet potendo fare affidamento su un sistema operativo desktop. Non è un vero portatile e manca anche l’USB nativa (serve un adattatore da mini USB) però fornisce la possibilità, o forse l’illusione, di una maggiore padronanza e libertà d’azione grazie alla compatibilità con i software da scrivania.