Samsung ha da poco terminato il suo evento londinese Premiere, dov'erano previste le presentazioni di nuovi prodotti delle serie Galaxy e Ativ. Più Ativ che Galaxy, a dire il vero. Per gli smartphone della famosa famiglia basata su Android, un accenno al nuovo ibrido telefono/fotocamera Galaxy S4 Zoom e l'annuncio di 5 colorazioni aggiuntive in arrivo per l'S4 "liscio". La vera novità sul fronte Galaxy è la NX, di cui avevamo parlato brevemente anche in un precedente articolo.

galaxynx

La nuova "smart-mirrorless" (possiamo chiamarla così?) non fa mistero nel suo nome delle parentele con l'altra serie NX, da cui sembra infatti riprendere varie caratteristiche. Monta un sensore APS-C da 20,3 megapixel, con una sensibilità ISO di 25.600 e tempo di esposizione fino a 1/6000 s; gli scatti possono essere catturati continuativamente a un massimo di 8,6 fotogrammi al secondo. I video vengono registrati in 1080p fino a 50 fps. Come le mirrorless tradizionali, anche la Galaxy NX prevede un set di lenti intercambiabili, con opzioni per il 3D. La sua anima mutuata da uno smartphone viene messa allo scoperto dal processore quad-core a 1,6 GHz abbinato a 2 GB di RAM e 16 di memoria flash, questi ultimi espandibili tramite microSD. Oltre al Wi-Fi, è presente a bordo anche la connettività LTE; per ciò che riguarda il comparto energetico, troviamo una batteria da 4.360 mAh. La versione di Android preinstallata con TouchWiz, utilizzabile tramite il da 4,8", è la 4.2.2. Nulla per ora su tempi di disponibilità e prezzi, anche se c'è da scommettere che questi ultimi non la renderanno proprio a buon mercato, almeno inizialmente.

Passando agli Ativ, Samsung ha presentato modelli che spaziano dall'all-in-one al tablet, passando per l'Ultrabook. Iniziamo dal desktop, rappresentato qui dallo One 5 Style.

ativone5style

Image from Engadget.

Sul fronte stilistico, ci troviamo davanti a un prodotto reminescente della serie Galaxy Tab, con una forte presenza del bianco e di curvature; contrariamente ad essi, la scocca è tutta in metallo, con uno spessore di 4,5 mm. Il display multitouch è un ormai classico 21,5" a risoluzione 1920x1080, mentre al suo interno troviamo una APU AMD quad-core A6 con grafica Radeon integrata, accompagnata da 4 GB di RAM; non lo renderanno certo un campione di prestazioni, ma se il posizionamento commerciale sarà buono, saprà soddisfare le esigenze di base per chi cerca un PC Windows all-in-one. I prezzi, al momento, non sono stati comunicati, mentre l'inizio della disponibilità nel Regno Unito è previsto nei prossimi mesi, presumibilmente in occasione di Windows 8.1 e del cosiddetto periodo "back to school".

Passando agli Ultrabook, qui troviamo i due nuovi Ativ Book 9 Plus e Lite. Il primo è tra i due il top di gamma, con uno spessore di 13,6 mm nel suo punto minimo che lo rende anche più sottile del MacBook Air.

ativbook9plus

Image from Engadget.

Sul fronte prestazioni, troviamo Core i5 e i7 della nuova generazione Haswell: in questo caso Samsung sembra aver scelto una linea diversa da quella di Apple, prediligendo frequenze operative più alte a scapito del "downgrade" alla HD Graphics 4400. Ciò che però non è assolutamente pareggiabile dall'Air è lo schermo, un 13,3" touchscreen a risoluzione 3200x1800 che lo rende superiore persino ai Pro Retina. Le opzioni relative a RAM e SSD permettono di raggiungere rispettivamente quota 8 e 256 GB. La durata della batteria dichiarata dall'azienda coreana è di 12 ore, in linea con le capacità di Haswell già dimostrate dai più recenti ultraportatili di Cupertino.

Meno pretenzioso è invece l'Ativ Book 9 Lite, che dovrebbe posizionarsi in fascia economica. Niente Intel, che qui lascia spazio ad AMD che fornisce una APU quad-core A6. Anche sul fronte display la differenza è netta, dato che a parità di dimensioni, 13,3", la risoluzione massima del Lite è 1366x768. A bordo sono previsti 4 GB di RAM e 256 GB di SSD; per quanto riguarda l'autonomia, si parla di 8 ore e mezzo. Oltre alle colorazioni nera e bianca, è possibile scegliere anche tra versioni con o senza touchscreen. Al momento non si parla di prezzi, mentre la disponibilità di ambo i modelli è prevista entro l'ormai imminente terzo trimestre.

Sul fronte dei convertibili, Samsung dice la sua con quello che nel lotto dei prodotti Ativ è probabilmente il più interessante. Si tratta dell'Ativ Q, che combina Core i5 Haswell e il display del Book 9 Pro a un'altra caratteristica importante.

ativq

Oltre alle varie modalità d'uso hardware previste, che comprendono la possibilità di ruotare lo schermo per utilizzarlo come se fosse uno stand e mettere alla luce una tastiera fisica con trackpad, ha anche una doppia anima software. L'Ativ Q dispone infatti di Windows 8 e Android 4.2.2 in dual boot, che possono condividere dati grazie all'applicazione SideSync; questa consente inoltre di richiamare le app per il robottino verde anche all'interno di Windows, potendole inserire come tiles nella schermata Start. In comune coi più recenti Galaxy Tab e Note è inoltre presente la S Pen.

Meno pretenzioso l'Ativ Tab 3, che rappresenta la prosecuzione di una serie iniziata lo scorso anno in occasione del lancio di Windows 8. Spariscono le opzioni con ARM e Windows RT, il palcoscenico è tutto per il processore x86 Intel Atom Z2760, coadiuvato da 2 GB di RAM.

ativtab3

Spesso appena 8,2 mm, presenta un display meno spettacolare dell'Ativ Q: 10,1" a risoluzione 1366x768. Niente dual-boot con Android, inoltre, ma trattandosi rispetto ad alcuni modelli precedenti di un prodotto con CPU x86, gode della versione completa di Windows 8 senza restrizioni in termini di applicazioni desktop. In linea con le più recenti intenzioni di Microsoft di rafforzare il legame tra Windows e Office, sull'Ativ Tab 3 è presente una licenza preinstallata della suite da ufficio. Condivisa con l'Ativ Q è poi la presenza della S Pen. Entrambi i prodotti sono previsti per il lancio globale nel terzo trimestre.