Il 25 ottobre scorso parlavamo del forte rammarico (per non dire rabbia) di vari utenti relativo alla perdita di funzioni in iWork per Mac con l'arrivo della nuova versione. Contrariamente alle aspettative generali e forse anche a quelle della stessa Apple, il tempo non ha raffreddato gli animi, anzi le proteste sono proseguite. A parziale consolazione la gratuità e il fatto che le vecchie versioni fossero conservate in un'apposita sottocartella di Applicazioni. Farà sicuramente più piacere sapere però che l'azienda di Cupertino ha deciso di rendere più chiare sia le motivazioni dietro alle mancanze sia le tempistiche per il loro reintegro.

nuovokeynote

Nel documento ufficiale di supporto Apple conferma la riscrittura totale dei componenti della suite, in modo da renderli operativi a 64-bit e da formare una base comune sia di funzionalità che di formati tra le edizioni per OS X, iOS e iCloud. Spiegano inoltre come fosse già stata prevista la rimozione temporanea di features, così come il successivo ritorno. In particolar modo, troviamo nella lista "da rifare" proprio il supporto AppleScript. Nel dettaglio completo si trovano inoltre miglioramenti a funzioni già presenti. Vediamolo qui sotto (la traduzione in italiano è fatta da noi, pertanto nonostante abbiamo fatto del nostro meglio non possiamo escludere vi siano errori; nel caso ce ne scusiamo):

Pages

  • Barra degli strumenti personalizzabile
  • Righello verticale
  • Linee guida per l'allineamento migliorate
  • Posizionamento degli oggetti migliorato
  • Importazione di celle con immagini
  • Conteggi parole migliorati
  • Scorciatoie da tastiera per gli stili
  • Gestione di pagine e sezioni dalla vista miniatura

Numbers

  • Barra degli strumenti personalizzabile
  • Miglioramenti allo zoom e al posizionamento della finestra
  • Ordinamento multi-colonna e per intervallo di celle
  • Auto-completamento del testo nelle celle
  • Intestazioni e piè di pagina
  • Miglioramenti al supporto AppleScript

Keynote

  • Barra degli strumenti personalizzabile
  • Ripristino delle vecchie animazioni e transizioni
  • Miglioramenti alla visualizzazione presentatore
  • Miglioramenti al supporto AppleScript

Il reinserimento (o inserimento nel caso dei miglioramenti) delle sopraccitate funzionalità sarà completato da Apple nell'arco di 6 mesi. Non è da escludere che, come per visto con Final Cut Pro X che in passato ha vissuto una situazione molto simile, il tutto venga suddiviso su più rilasci. È possibile che almeno parte di questa lista possa finire pure in iWork per iOS. Infine, nel documento viene specificato che si tratta di alcune features, perciò a fine semestre quanto aggiunto alle tre applicazioni potrebbe essere di più.

Nell'attesa, il suggerimento di Apple per coloro che necessitano di quanto temporaneamente perso è proseguire l'uso di iWork '09, nonché di riconvertire i documenti dal nuovo formato al vecchio passando per le opzioni di esportazione nel menu File delle versioni più recenti. Basterà tutto ciò a placare il comprensibile nervosismo creatosi attorno al pacchetto di produttività made in One Infinite Loop? Speriamo di sì, ma manterremo d'occhio la situazione, soprattutto per verificare se il team di sviluppatori rispetterà la finestra temporale dichiarata. Del resto, una promessa è una promessa.