Una delle tante sfaccettature del processo di primo grado Apple contro Samsung (riguardante la contestazione sullo sfruttamento di alcuni brevetti) che più aveva interessato l'opinione pubblica riguardava la diffusione, da parte dei coreani, dei termini dell'accordo con Nokia per l'utilizzo di alcuni brevetti dell'azienda finlandese.

apple-samsung-lawsuit

Infatti, la Corte della California aveva ordinato ad Apple di fornire ai soli avvocati di Samsung una copia dell'accordo al fine di permettere ai legali di Samsung di analizzarlo, ma i legali avevano ben deciso di trasmetterlo ai dirigenti coreani che avevano poi utilizzato il contratto nella fase stragiudiziale per cercare di avere maggiore forza contrattuale nel tentativo di definizione bonaria della controversia. La risposta di Apple non si fece  attendere e dì lì a poco i suoi procuratori chiesero la condanna di Samsung per aver violato il segreto istruttorio, ma la Corte statale decise di condannare lo Studio Legale Quinn Emmanuel (unico responsabile effettivo anche a mio parere, ndr).

Come in tutti i legal thriller che si rispettino, ecco arrivare il colpo di scena: secondo quanto riportato dal sito FOSS Patents, nello stesso periodo in cui Apple chiedeva la condanna di Samsung per la violazione del segreto istruttorio, i legali di Cupertino avrebbero trascritto i termini dell'accordo all'interno di un "court docket" (il corrispettivo di un nostro verbale di udienza, ma, purtroppo, dalla fonte non si apprende se è il verbale dello stesso giudizio o di un altro) senza richiedere il segreto istruttorio: il verbale di udienza è per sua natura un atto pubblico e, pertanto, accessibile a chiunque. Il verbale è stato a disposizione di chiunque per i successivi quattro mesi (quindi, fino a fine febbraio) e poi è stato rimosso.

Samsung, appresa la notizia, ha citato nuovamente in giudizio Apple poiché ha violato i termini del segreto istruttorio. La prima udienza si terrà il prossimo 8 aprile.

Come chiosa 9t05Mac, ci sono certe cause che si protraggono all'infinito e gli unici ad arricchirsi sono gli avvocati delle due società.