Ormai da diversi anni, dove può, Apple predilige lo sviluppo di soluzioni hardware in casa, mantenendo comunque la produzione presso terze parti (esempio più famoso i SoC Ax, progettati a Cupertino ma realizzati fisicamente nelle fabbriche di Samsung, nonostante i periodici rumors su un passaggio a TSMC). Il nuovo settore in cui l'azienda intende investire è quello dei display. Non nei pannelli veri e propri, bensì nell'elettronica che consente di sfruttarli, ovvero driver (qui intesi come circuiti integrati e non come software) e controller, intermediari fondamentali nel processo che porta l'immagine dall'elaborazione nel chip grafico alla visualizzazione. Il mirino è puntato sulla giapponese Renesas SP Drivers, come riporta il Nikkei Asian Review.

logoapple

Questa società è una joint-venture, posseduta al 55% dalla capogruppo Renesas, già operante nel campo dei semiconduttori su più fronti, insieme a Sharp e alla taiwanese Powerchip che detengono rispettivamente il 25 e il 20%. L'obiettivo primario di Apple è la quota di Renesas, in modo da ottenere subito il controllo, per una spesa complessiva di 479 milioni di $. Una volta ottenuto l'accordo principale, anche Sharp cederà la sua parte, portando quindi Apple all'80%. Rimarrebbe la sola Powerchip, un azionista di minoranza che farà comodo in quanto già ora si occupa della produzione dei chip per conto di Renesas SP, specializzata soprattutto per display di piccole e medie dimensioni.

Se tutto andrà per il verso giusto, l'operazione si concluderà entro l'estate. Per i 240 impiegati poco cambierà, dal momento che nelle intenzioni di Apple non sarebbero previsti esuberi né spostamenti di sede. L'acquirente, invece, nel breve termine potrà beneficiare del controllo di quello che già oggi è uno dei fornitori chiave per gli iDevices, con minori costi produttivi spartendosi la "torta" con Powerchip. I cambiamenti tecnici arriverebbero sul medio-lungo periodo, presumibilmente con le generazioni 2015 dei dispositivi. L'elettronica può aiutare molto nella resa di un display e ha un ruolo importante per l'autonomia; avere tutti i mezzi necessari in casa consentirà ad Apple di ottimizzare maggiormente questo comparto, con miglioramenti più visibili all'utente finale. Attualmente, per quanto non appaia un pesce d'aprile, l'operazione rimane nella categoria dei rumors finanziari; vedremo perciò se si concretizzerà o terminerà nel nulla.