Nella notte italiana di oggi Sony ha svelato una nuova fotocamera. Dopo la A7 (recensione) e la A7r ecco che fa il suo debutto la tanto rumoreggiata A7s, ennesima variante nello stesso corpo macchina. Le novità sono essenzialmente due, ma anche piuttosto importanti: sensore e funzioni video. Sony ha realizzato un nuovo CMOS full frame da 12,2 megapixel che rinuncia all'elevata risoluzione per massimizzare gamma dinamica e resa alle alte sensibilità. Parliamo di un range da 50 a 409600 ISO che è equiparato solo da prodotti ben più costosi come la professionale Nikon D4s. Grazie a questa caratteristica la A7s è in grado di catturare foto e video con basso rumore mantenendo velocità dell'otturatore più rapide.

Sony-A7s-image-front

La seconda peculiarità della A7s riguarda il settore video, dove però si trovano delle specifiche piuttosto controverse. Viene pubblicizzata come in grado di registrare filmati in formato 4K ma leggendo bene il comunicato stampa sembra che on camera sia in grado di memorizzare al massimo in FullHD XAVC-S a 50Mbps. Tuttavia possiede uscita video HDMI non compressa con output in 4K (QFHD: 3840 x 2160) e campionatura colore 4:2:2, offrendo la possibilità di registrare i filmati in 4K con un recorder esterno. Inoltre la A7s è dotata di un nuovo processo di lettura delle immagini che, per la prima volta al mondo, le consente di utilizzare al completo tutti i pixel del sensore fotografico anche per i video, aumentando al massimo il dettaglio e limitando difetti come il moiré.

Sony-A7s-image-back

Rimangono invariate le altre caratteristiche come il corpo macchina compatto e ben costruito, il display basculante da 3", il mirino OLED Tru-Finder e la presenza di Wi-Fi ed NFC per la condivisione dei contenuti. La A7s sarà disponibile dall'estate 2014 ad un prezzo non ancora comunicato, ma che potrebbe aggirarsi sui 2000€/2500€. È inoltre prevista la realizzazione di un kit con adattatore XLR per audio professionale.

Probabilmente l'aspetto più interessante di questo corpo sta nel sensore e la S della sigla potrebbe indicare proprio il suo focus sulla sensibilità. Per quanto riguarda il video Sony non sembra aver fatto bene i compiti, quantomeno non al punto da competere con la Panasonic GH4. Se dovesse essere confermata la nostra interpretazione e la A7s riuscisse a registrare in 4K solo con recorder esterni, vorrà dire che il suo possibile impiego sarà particolarmente limitato.