È bene mettere sin da subito la premessa: da prendere tutte le indiscrezioni con le molle, onde evitare delusioni. Ma se il tutto fosse vero, la settimana che verrà potrebbe recare con sé un piccolo aggiornamento hardware. La gamma coinvolta è quella dei MacBook Air, stando alle informazioni del sito francese MacG.

macbookair2013

Le aree su cui ci si aspettano i ritocchi sono i processori e memorie di archiviazione. Per i primi, Intel ha di recente aggiunto nuovi modelli alla linea Haswell, che durerà ancora per alcuni mesi in attesa della ritardataria Broadwell. Assisteremmo perciò a semplicissimi speed bump, con leggero aumento delle frequenze operative (ad esempio passando dal Core i5 4250U da 1,3 GHz attualmente adottato al "fresco" 4260U da 1,4 GHz). Discorso un po' migliore per le memorie flash: come ipotizza 9to5Mac, per quanto sembri difficile i 256 GB potrebbero diventare il nuovo taglio base. Una mossa che sarebbe decisamente apprezzabile, vista la ristrettezza di 128 GB al giorno d'oggi, pur aiutandoci col cloud.

Le possibilità che questo refresh avvenga? Ci sono. A febbraio 2013 i MacBook Pro Retina, rilasciati da pochi mesi, vennero sottoposti ad alcune variazioni. Anche in quel caso gli interventi furono perlopiù sulle frequenze delle CPU.

In ogni caso, chi attende il vero aggiornamento hardware, destinato a far davvero la differenza rispetto alla generazione corrente, dovrà attendere per un bel po' di tempo. E se la roadmap prevista da Ming Chi-Kuo si rivelerà azzeccata ci sarà tanto di cui parlare in futuro.

EDIT: correzione dell'articolo a seguito di un errore. Mi scuso del disguido.