Come da tradizione, i cinesi si portano avanti con il lavoro realizzando il primo clone di iPhone 6 senza che questo sia stato ancora presentato ufficialmente da Apple.

Schermata 2014-07-16 alle 11.16.18

Il design richiama quello delle cover posteriori che circolano da diverso tempo sui siti asiatici: corpo leggermente bombato ai bordi, profilo sottilissimo e le bande posteriori che, sebbene si supponga che nel modello finale verranno ridisegnate per integrare le antenne o che, secondo altri, servano solo a segnare la porzione in alluminio da rimuovere per installare le due parti di vetro presenti da iPhone 5, che ricordano quelle dell'HTC One.

Sul lato sinistro si trova il bilanciere del volume, sottile e rettangolare e che ricorda quello presente sui modelli di iPhone sino al 3GS, e la levetta per disattivare i suoni, mentre sul lato destro sono presenti tanto lo slot per la SIM e il pulsante di accensione e spegnimento.

Sul lato inferiore, invece, sono collocati il jack per le cuffie, il microfono e l'altoparlante esterno, nonché l'ingresso micro USB camuffato da porta Lighting.

Sul retro troviamo la serigrafia del marchio iPhone e delle altre autorizzazioni necessarie alla commercializzazione del dispositivo (ammesso che i cinesi le abbiano mai avute...), mentre, visto che il logo Apple risulta essere intagliato in tutti i leak dei giorni scorsi, i produttori hanno pensato bene di inserire una mela di plastica gommata trasparente.

Sotto lo schermo da 4.7", invece, troviamo un pulsante che ricorda il Touch ID, ma, ovviamente, ha solo la funzione di uscire dalle app.

Il software si rivela essere una versione di Android con un launcher chiaramente copiato dalla springboard di iOS 7 (persino nella schermata delle impostazioni), ma la fluidità non è certo ai livelli di iPhone o del Nexus 5, segno che le componenti hardware interne sono assolutamente di scarsa qualità.

Se siete interessati ad apprezzarne il funzionamento, ecco un video di YouTube che lo analizza quasi nel dettaglio.