Per i soliti detrattori, il lancio di Swift, il nuovo linguaggio di programmazione derivato da Objective-C e molto più semplice del suo antenato, è stato per Apple una mossa troppo azzardata, ma invece i mesi passati hanno dimostrato il contrario.

swift-screenshot

Attorno al nuovo linguaggio sono nate diverse community di per studiarne il funzionamento e tutti gli sviluppatori di app per iOS e OS X sono concordi nel dire che esso è molto più agevole da usare, vista la sintassi semplificata che richiede molte linee di codice in meno rispetto al passato.

RemObjects, software house specializzata nella creazione di compilatori, ha annunciato Silver, un tool che permetterà agli sviluppatori di scrivere programmi per Windows Phone e Android utilizzando la sintassi di Swift. Si badi bene: Silver non esegue il porting delle app da iOS agli altri OS, ma semplicemente riesce a compilare app scritte con un diverso linguaggio di programmazione rispetto a quello utilizzato per le due piattaforme mobili concorrenti di Apple.

Per essere informati sul lancio di Silver, potete iscrivervi alla newsletter di RemObjects da qui.