Apple ha recentemente annunciato di aver raggiunto il ragguardevole traguardo di 4 milioni di iPhone 6 venduti nelle sole prime 24 ore di preordini: l'accoppiata iPhone 6 e iPhone 6 Plus sembra dunque aver convinto il mercato ancor prima che i consumatori abbiano potuto provare dal vivo i due terminali. La fiducia riposta in Apple ha portato l'azienda a raddoppiare il record detenuto da iPhone 5, che nelle prime 24 ore di preordini era stato acquistato in 2 milioni di unità.

IMG_1487

A discapito di quello che si possa pensare, il tanto amato ed odiato "Padella Display" (permettetemi l'ironia), in accoppiata con un nuovo iOS più aperto, ha centrato gli obiettivi di vendita, portando i tempi di spedizione in alcuni Paesi a ben 10 giorni dall'ordine, se non, in altri casi, anche a a tre settimane.

A proposito di display grandi, l'azienda che per prima ha lanciato la corsa al pollice in più sembra non reggere il confronto con i dati di vendita dei suoi terminali di punta: storicamente, infatti, qualsiasi iPhone ha venduto più in 24 ore rispetto a un qualsiasi Samsung Galaxy di fascia alta (sia della serie S che di quella Note): l'analista Horace Dediu si Asymco ha rilasciato di dati di vendita dei vari iPhone (in un periodo compreso fra i tre e i cinque giorni dal lancio) comparandoli a quelli dei terminali coreani (in un periodo di vendita compreso fra i 20 e i 30 giorni). Dalla tabella, si può facilmente evincere che Samsung abbia sempre perso lo scontro diretto con Apple.

iPhone-straccia-Galaxy-grafico-Horace-Dediu-700

La preoccupazione della casa coreana (che recentemente ha portato alla produzione di uno spot pubblicitario comparativo fra il nuovo modello di Apple e il proprio Note 4) di vedere le proprie quote di mercato ulteriormente erose dai nuovi iPhone 6 è, dunque, più che fondata.