Continua la telenovela #BendGate ma il protagonista questa volta è il Galaxy Note 4, diretto concorrente dell'iPhone 6 Plus. Dopo aver sollevato il tormentone che ha accompagnato i primi giorni dell'iPhone 6 (recensione) con il proprio "bend test", Unbox Therapy ha messo sotto la propria lente, o meglio sotto la propria forza, l'ultimo phablet di Samsung. Consumer Reports, un'associazione americana a tutela dei consumatori, ha dimostrato come l'iPhone 6 e 6 Plus sono sì meno resistenti dei loro competitor, ma è causa del materiale di cui sono realizzati, infatti l'HTC One M8, anch'esso con corpo in alluminio, ha ottenuto risultati simili, cedendo ad una pressione inferiore rispetto agli smartphone prodotti in plastica.

bote4-bendtest

La conferma di ciò, se mai ce ne fosse bisogno, ci viene proprio dal test realizzato sul Galaxy Note 4 da Unbox Therapy. Infatti il phablet Samsung è realizzato in plastica ma ha una cornice laterale in alluminio e si piega proprio in quel punto. Questo risultato è comparabile a quello ottenuto dall'iPhone 6 Plus, anche se il device Apple ha fatto registrare una piega leggermente maggiore perché è un unico blocco di alluminio.

Lo stesso test eseguito sulla precedente generazione di Note aveva dato invece ottimi risultati, il che conferma che la plastica è un materiale difficile da deformare e questa è la variabile che influisce di più sui risultati ottenuti dai vari smartphone. Naturalmente, come sottolinea l'autore del test nelle conclusioni finali di quest'ultimo video, le pressioni esercitate nelle prove sono difficili da ripetere nell'uso quotidiano del dispositivo, se lo fate intenzionalmente piegherete ogni device, ma qualsiasi smartphone top di gamma al momento, almeno tra quelli più famosi, sia se realizzato in plastica che in alluminio, se utilizzato in modo consono non si piegherà. Speriamo che questo significhi, finalmente, addio #bendgate!