Da pochi giorni Apple ha lanciato iOS 8.1.1 con l'obiettivo principale di migliorare le prestazioni di dispositivi più "datati" come iPad 2 e iPhone 4S, Arstechnica ha effettuato delle prove accurate per testare la consistenza e la validità di questi miglioramenti. Lo studio prevede l'analisi di tre fattori: la velocità di lancio delle app, rallentamenti all'interfaccia/lag e la velocità a lungo termine correlata alla stabilità. I dispositivi utilizzati per i test sono stati un iPad mini di prima generazione, un iPad 2 e un iPhone 4S.

Per quanto riguarda il primo punto è stata fatta una media delle velocità di apertura di alcune app tra i vari dispositivi, ripetendo l'operazione per tre volte e il risultato complessivo mostra un incremento quasi impercettibile, nell'ordine dei decimi di secondo, tra iOS 8 e iOS 8.1.1 come potete notare dalla tabella seguente. Solo l'apertura di Safari ha ricevuto un accelerazione più "consistente".

test-ios8.1.1

Passando ad analizzare il movimento generale dell'interfaccia, Arstechnica prende in considerazione quello che è stato il miglioramento portato l'anno scorso da iOS 7.1 su iPhone 4, dove si resero le animazioni più veloci e si diminuirono i lag nelle stesse. Con iOS 8.1.1 il lavoro svolto è più inconsistente, si notano con difficoltà le migliorie da questo punto di vista, permangono infatti i continui rallentamenti e i frequenti lag in tutta l'interfaccia.

Il lavoro più importante secondo chi ha condotto il test è stato svolto sulla stabilità complessiva del sistema e sull'uso della RAM. I dispositivi sotto la lente, montanti processore Apple A5, sono dotati di 512 MB di RAM che risulta insufficiente in molte operazioni, iOS 8 necessità di maggiori risorse da questo punto di vista. Rispetto al problema, gli sviluppatori di Apple si sono incentrati proprio sul diminuire la richiesta di memoria di queste operazioni producendo così meno crash nell'uso quotidiano e riducendo le tempistiche di quelle più complesse. Concludendo non si può certo gridare al miracolo, i limiti dell'hardware dopo anni cominciano a farsi sentire e i sistemi operativi più aggiornati richiedono sempre più risorse per poter funzionare al meglio. Apple ha cercato, senza risultati troppo positivi di migliorare le performance di iPad 2/iPad mini e iPhone 4S, ed è un bene che a distanza di anni continui ad occuparsi dell'efficienza degli stessi, tuttavia il processore A5, lanciato nel 2011, risulta obsoleto per garantire prestazioni ottimali con iOS 8.