Apple e Samsung, non so dirvi precisamente il perché, mi ricordano in un certo senso Tom & Jerry. Come i famosi personaggi dei cartoni animati, anche le due aziende si sono ritrovate spesso a lottare l’una contro l’altra e il palcoscenico dei loro scontri a volte è il mercato altre il tribunale. Negli ultimi anni Apple e Samsung si sono sempre “punzecchiate” e anche se non c'è stata una vera vincitrice se le sono date di santa ragione. Recentemente, però, dopo le varie battaglie e i tentativi di bloccare la vendita dei prodotti della concorrenza, pare che, proprio come spesso accade in Tom & Jerry, anche le due multinazionali abbiano alzato entrambe bandiera bianca e siano diventate più “amiche”. Dopotutto Samsung fornisce molta componentistica per i prodotti Apple e pare si sia già accaparrata una larga fetta della produzione dei futuri chip A9. Apple, dal canto suo, aveva scavalcato “la trincea” e si era inoltrata in “campo nemico” per reclutare alcuni dipendenti di Samsung. E oggi, dopo aver depositato l’ascia di guerra, in che rapporti sono le due aziende?

I tempi in cui Samsung era accusata di copia non si può certo dire che siano lontani e anche l’S6, l’ultimo arrivato della casa coreana, è stato bersaglio delle critiche più varie (l'ultima durante la presentazione odierna di LG G4). Prima ancora della sua presentazione, infatti, sono bastate le immagini trapelate in rete per accusarlo di essere la copia di un iPhone 6. E, come se non bastasse, anche il nuovo sensore d'impronte ed il servizio Samsung Pay, lanciato nello stesso giorno, ricordavano quelli di Apple. Come detto da Maurizio nella sua personale recensione dell’S6 Edge: "ormai è inutile intavolare interminabili discussioni relative a chi copia chi o cosa". Ogni azienda infatti si ispira alla concorrenza per perfezionare i propri prodotti e ottimizzare i propri servizi e Samsung, osservando le mosse di Apple e compagnia, è riuscita a migliorare nettamente il suo, presentando uno smartphone decisamente migliore rispetto al Galaxy S5. L'azienda coreana, infatti, ha curato maggiormente il design di S6 e al posto della plastica ha scelto vetro e alluminio. Il nuovo smartphone, quindi, almeno dalle prime recensioni, pare stia raccogliendo il consenso degli utenti, compreso Maurizio che ha detto chiaramente: "a me questo smartphone piace". L’S6, in generale, ha più pregi che difetti, porta con se una ventata di novità e una maggiore qualità costruttiva, ma riesce a reggere il paragone con iPhone sul fronte del design?

Ad aiutarci a rispondere a questa domanda ci ha pensato iMore che ha confrontato i particolari dell’iPhone 6 con quelli del Samsung Galaxy S6, scoprendo che i dettagli si notano e soprattutto fanno la differenza. Ad essere oggetto di comparazione sono stati tutti i quattro i lati di entrambi i terminali e il responso non ha lasciato dubbi: Apple è sempre più alla ricerca della perfezione, mentre il design industriale di Samsung è ancora troppo superficiale e approssimativo. Tracciando una semplice linea orizzontale al centro degli elementi ci si rende immediatamente conto di quelle che sono le incredibili differenze nel design tra Apple e Samsung.

Design

Nell'iPhone 6 tutto è allineato: la porta Lightning, quella audio, i fori degli speaker e del microfono, persino le viti sono perfettamente centrate, mentre sullo smartphone di Samsung ogni elemento è sfalsato rispetto agli altri. Ovviamente molti neanche se ne accorgerebbero, e per altri non sembrerebbe un problema, ma come sottolineato da iMore, sono dettagli come questi che contribuiscono a rendere pulito e armonico il design. Gli utenti, inoltre, sapendo che Apple cura in maniera così elevata perfino questi piccoli particolari, sono naturalmente spinti ad aspettarsi la stessa attenzione sia nell'hardware che nel software. La giusta disposizione dei componenti interni, un touch reattivo anche lungo i bordi del display e software facili e immediati da usare, oltre che curati esteticamente, sono sicuramente i punti di forza di Apple e del suo successo. Viceversa solo vedere le porte disallineate potrebbe lasciare un’impressione negativa sul dispositivo di Samsung, anche per quanto riguarda il lato software. Di recente, poi, ha fatto discutere l’adesivo Qualcomm attaccato sui Galaxy S6 di Verizon. Una cosa simile non l’abbiamo mai vista e mai la vedremo su un iPhone, così come uno sticker Intel o AMD non andrà mai a inficiare il design dei Mac.

Design 2

Quello che emerge è che le differenze di progettazione tra Apple e Samsung sono abissali, anche confrontando dispositivi apparentemente analoghi. Il design, in fondo, è uno dei punti di forza della casa di Cupertino, su cui poche aziende (forse nessuna?) riescono a competere. La cura nei dettagli tanto cara a Steve Jobs, che controllava anche l'aspetto delle schede, ora fa parte del DNA dell'azienda e Jony Ive ne è l'erede diretto.