Se spesso il giorno in cui Apple pianifica di rilasciare un aggiornamento è ufficialmente noto (almeno rimanendo sui canali commerciali e non Beta), l'orario non lo è altrettanto. È solo la consuetudine a indicarci che la finestra temporale prevista dall'azienda di Cupertino si attesta sulle 10 del mattino ora del Pacifico, le 19 da noi. Per il prossimo 30 giugno però si farà un'eccezione e a comunicarla è Ian Rogers, ex-CEO di Beats Music ora senior director della divisione Apple Music.

iPhone6-3Up-AppleMusic

Martedì la disponibilità di iOS 8.4 e Apple Music, con la possibilità di attivare la prova di tre mesi, inizierà alle ore 8 locali, che da noi saranno le 17. Presumibilmente in contemporanea inizierà pure la distribuzione di iTunes 12.2, necessario agli utenti Mac e PC per la fruizione del nuovo servizio. Un'ora dopo toccherà invece alla stazione radio gratuita Beats 1 effettuare il varo; non è dato conoscere quale sarà il programma inaugurale, anche se i sospetti ricadono sull'intervista ad Eminem registrata da Zane Lowe. Per chi desiderasse crearsi un promemoria pubblico, Rogers ha creato un invito su Facebook. Per iOS 9 l'abilitazione di Apple Music dovrebbe avvenire con una nuova Beta. La festa per gli utenti Android, invece, è rimandata all'autunno come già noto.

Sempre per i prossimi mesi è prevista una modifica interessante relativa ad iTunes Match. In modo alquanto inusuale rispetto alle classiche vie previste da Apple per gli annunci, Eddy Cue su Twitter (via 9to5Mac) anticipa che il limite di brani dalla propria libreria musicale che si potranno caricare sul cloud passerà dagli attuali 25.000 a 100.000, più in linea con altri servizi simili. Tale caratteristica non sarà solo prerogativa di iTunes Match ma anche di Apple Music, eliminando così la necessità di un doppio abbonamento.

AGGIORNAMENTO: la parte relativa agli orari nel post di Rogers è stata rimossa. Non è dato sapere se è dovuto a una modifica dei piani oppure più semplicemente ad "ordini dall'alto". Propendiamo per la seconda, e qualora lo fosse è una mossa di protezione alquanto tardiva, essendo la notizia rimbalzata ormai ovunque.