Nella giornata di ieri il solito Mark Gurman ha scovato un'interessante anticipazione sulla prossima generazione di iPhone che sarà presentata questo mercoledì. Ormai da mesi circola l'indiscrezione che iPhone 6s e 6s Plus saranno dotati del Force Touch, ma la novità è che i nuovi dispositivi potrebbero avere un'evoluzione di tale tecnologia: il 3D Touch. A differenza di quello presente su Apple Watch che riesce a distinguere solo due tipi di pressione, il nuovo Force Touch aggiungerà il riconoscimento di un ulteriore livello di sensibilità. Dopo il report di 9to5mac, Patently Apple ha recuperato un brevetto scoperto lo scorso giugno riguardante la registrazione della proprietà intellettuale del Force Touch in Europa. Rianalizzando nel dettaglio la descrizione è stato ritrovato proprio il riferimento a questo nuovo livello di riconoscimento.

3dtouch-brevetto-appleIl brevetto illustra una struttura formata da più componenti posti uno sull'altro. Per individuare le differenti pressioni si utilizza la deformazione misurata da ogni strato che viene calcolata sommando la forza del tocco, l'effetto piroelettrico trasmesso e la deformazione dovuta al coefficiente di espansione termica. Analizzando quindi i risultati provenienti dai singoli componenti si riesce ad identificare livello di sensibilità impresso sul touchscreen. La circostanza che il brevetto è stato registrato in Europa e non in USA induce a credere che Apple abbia cercato di tener nascosto fino alla presentazione ufficiale l'evoluzione di questa tecnologia, visto che, per convenzione internazionale, chiunque registri un brevetto in un Paese ha un anno di tempo per estenderlo anche nel resto del mondo mantenendo la priorità sulla registrazione.