Non si può dire che Google sia stata ferma, quest'estate. Anzi si tratta forse del suo periodo storicamente più dinamico da diverso tempo. Da nemmeno un mese è stata intrapresa una grande ristrutturazione che porterà Larry Page e Sergey Brin alla creazione della nuova holding Alphabet, in cui El Goog agirà come una qualsiasi azienda controllata e avrà un raggio d'azione più mirato, col distaccamento da essa di Nest e delle divisioni speciali come Google X. Mentre Sundar Pichai si appresta a iniziare il suo corso come CEO della rinnovata Google (Page invece andrà alla guida di Alphabet), oggi è stato compiuto un ulteriore cambiamento, stavolta soprattutto estetico grazie a un logo fresco.

animazionelogogoogle

(Premere sull'immagine per avviare l'animazione.)

Stile flat, con un carattere "sans serif" pulito e adatto per ogni dispositivo: proprio questi ultimi sono le principali forze motrici di questa novità. Il precedente logo, che dal 1999 è sostanzialmente sopravvissuto per poco più di 16 anni con soli due ritocchi minori nel 2010 e nel 2013, era ottimizzato per la prima era di Google, dove la ricerca era il principale prodotto e ci si concentrava ai PC tradizionali. Il cambio di look si rifletterà anche su molti dei servizi offerti dall'azienda di Mountain View, permettendo all'utente una più rapida identificazione della loro "paternità" (tra gli esempi viene fatto quello di un microfono stilizzato coi colori del logo). Per quanto possa essere un'operazione all'apparenza triviale ha in realtà un forte legame con l'impronta che a partire dai prossimi mesi Google e più in generale il conglomerato Alphabet vorrà dare al mondo; in un certo senso si rivede un percorso simile a quello fatto da Microsoft nel 2012, che abbandonò la sua immagine storica per una moderna. Occorrerà un po' per capire se al profondo impatto mediatico seguirà quello fisico, dando il tempo a Pichai di insediarsi nel suo prossimo ruolo di alto livello così com'è avvenuto proprio a Redmond per Satya Nadella.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=olFEpeMwgHk]