A poco più di una settimana dal rilascio pubblico e con un aggiornamento di bugfix già al seguito, iOS 9 sta prendendo rapidamente piede nell'utenza, specialmente su iPad che ha tanto beneficiato delle attenzioni di Apple. Ma le dimostrazioni pratiche offerte dal sistema operativo da sole non bastano per convincere della bontà delle migliorie implementate. È infatti fondamentale il supporto da parte delle applicazioni di terze parti, ambito in cui la piattaforma brilla particolarmente, non tanto per quantità dove il Play Store se la gioca quasi a numeri pari, bensì per qualità con versioni spesso più curate rispetto a quelle presenti sui sistemi rivali e maggiori profitti per gli sviluppatori. Vediamo in che modo alcuni tra i principali nomi del settore stanno suonando la nona.

split-view-640x432

Per quanto i maggiori sostenitori del mondo Apple possano non essere molto contenti all'idea, la presenza di Microsoft nell'ecosistema iOS è così massiccia da comportarsi varie volte più da partner che da rivale. Questo particolare legame si è rinsaldato ulteriormente durante l'evento del 9 settembre, in cui l'azienda di Redmond ha presenziato in maniera attiva mostrando il funzionamento della suite Office sull'iPad Pro. Nell'attesa del nuovo tablet sugli scaffali, le app Word, Excel, PowerPoint, OneNote e Outlook hanno tutte ricevuto aggiornamenti espressamente pensati per iOS 9 col supporto alla modalità Split View e le scelte rapide quando una tastiera esterna è collegata. Solo per PowerPoint si segnala inoltre la possibilità di includere componenti aggiuntivi per espandere ulteriormente le funzionalità, mentre OneNote è compatibile con Handoff per proseguire su Mac o altro iDevice e integra il suo blocco appunti nella ricerca di Spotlight. Lo stesso permette Outlook coi messaggi di posta elettronica.

officeios9

Molto più pigra invece Google, riflettendo la relazione con Apple qui decisamente più complicata. Poche le app aggiornate per supportare iOS 9 e nemmeno appieno: l'elenco delle novità nell'ultimo aggiornamento di Chrome è breve e troppo generico. L'unico prodotto che presenta dedizione esplicita da questo punto di vista è Play Edicola, ora in grado di destreggiarsi con le nuove modalità di multitasking. La giornata di oggi porta pure un nuovo debutto da parte di Big G, con l'approdo del blocco appunti Keep finora rimasto su mobile esclusiva di Android; le note di rilascio non chiariscono nemmeno in questo caso però se ha ottimizzazioni per l'ultima versione del sistema di Cupertino o preferisce una compatibilità più generica.

Lodevoli invece gli sforzi del piccolo ma talentuoso team di Pixelmator, che ha colto l'occasione della versione 2.1 per supportare Split View e Slide Over. Tra le altre novità di rilievo si segnalano la possibilità di lavorare con immagini a risoluzione 8K e di salvare le modifiche nella foto originale senza crearne una copia, nonché l'integrazione con Spotlight.

pixelmator21

Altra menzione di merito va a Readdle, che ha già aggiornato tutte le sue applicazioni di punta. Per tutte in comune vi sono il supporto alle modalità multitasking e al nuovo Spotlight. Guardando invece a singole migliorie specifiche, troviamo Scanner Pro con la possibilità di effettuare scansioni a colori attraverso la fotocamera del dispositivo e opzioni di protezione per i file generati, PDF Expert con nuovi strumenti di disegno per l'elaborazione dei documenti e infine il client email Spark con la personalizzazione delle risposte rapide, la scelta dell'account predefinito per l'invio dei messaggi e la visualizzazione di calendari.

pdfexpertios9

Restando in tema di produttività, il calendario Fantastical arriverà la prossima settimana alla versione 2.5 pronta per l'affiancamento a schermo con altre app e, solo per la versione iPhone, con l'aggiunta di complicazioni dedicate ad Apple Watch. Altri dettagli sugli interventi verranno resi noti a rilascio effettuato. Dropbox invece dà priorità a Spotlight e 3D Touch nella 4.0.1; lo stesso fanno Flipboard 3.3.7 e 1Password 6 che con l'occasione introduce pure una nuova grafica insieme a un generatore di password denominato "diceware" che sfrutta parole di senso compiuto concatenate in serie per aiutare la memorizzazione senza compromettere al contempo la sicurezza.

Sul fronte social, finora è Twitter che mostra le maggiori attività. L'app ufficiale offre la modalità multitasking e la possibilità di rispondere rapidamente a una menzione ricevuta dalla stessa notifica. Inoltre l'esperienza d'uso base su iPhone e iPad sarà d'ora in poi la medesima, contrariamente al passato in cui la variante tablet rimaneva piuttosto trascurata. Stesse variazioni sono occorse anche per la non ufficiale Twitterrific, mentre per Tweetbot 4 occorrerà attendere ancora un po'.

twitterios9

Concludiamo infine con due applicazioni meno conosciute delle altre, ma non per questo di minore utilità, anzi. L'app di traduzione iTranslate ha una copertura completa delle funzionalità introdotte con iOS 9 e introduce al contempo una versione Watch con complicazioni per frasari rapidi e il supporto al riconoscimento vocale per tradurre parole o testi senza dover ricorrere al dispositivo principale. Il raccoglitore di contenuti copiati/incollati Clips vede ora un netto miglioramento delle sue capacità agendo in Split View, includendo oltre alla comoda visuale anche l'aggiunta e il salvataggio automatico di quanto inserito.

Abbiamo qui preso in esame alcune delle app principali che hanno già guadagnato le ottimizzazioni rilevanti per sfruttare quanto messo a disposizione da Apple. La lista reale è però molto più lunga nonché in costante aumento: guardando ad assenze celebri, sicuramente Google farà in modo di recuperare a brevissimo il ritardo e lo stesso farà Facebook. Vedremo se a novembre con iPad Pro gli sviluppatori terzi saranno in grado di stupirci ancora una volta. Tutti gli aggiornamenti qui descritti sono o saranno disponibili gratuitamente nella consueta sezione dell'App Store per coloro che hanno già installato o, se si tratta di prodotto a pagamento, acquistato le relative app.