I gestori di password sono molto utili quando si hanno tanti servizi e altrettante credenziali da ricordare. Anche le grandi aziende hanno una loro proposta in questo campo: Apple utilizza il Portachiavi iCloud, Google ha integrato funzionalità apposite in Chrome e Microsoft ha compiuto un simile percorso nel nuovo browser Edge. Tuttavia le maggiori preferenze vanno a realtà più piccole e specializzate, che svolgono spesso un lavoro ben più completo. Due delle app più celebri sono senza dubbio 1Password e LastPass. Entrambe con ottimi riscontri, se per la prima almeno per ora l'indipendenza non è in discussione, per la seconda da oggi tutto cambia con l'ufficializzata acquisizione da parte di LogMeIn, altra famosa società operante principalmente nelle applicazioni di accesso remoto ai computer ma già da qualche tempo entrata in un processo di diversificazione dei suoi business.

 

lastpass

L'accordo, che si prevede venga finalizzato nel corso delle prossime settimane, è stato concluso per 110 milioni di $ (più ulteriori 15 milioni per azionisti e dirigenti al raggiungimento di determinati obiettivi post-acquisizione). Una cifra che impallidisce certamente di fronte alle operazioni in grande stile compiute negli ultimi anni soprattutto da Facebook, ma non per questo di poco conto e che fa capire l'importanza assunta dal settore. LastPass permetterà a LogMeIn di diventare leader nel mercato dei password manager, in cui era già presente da poco più di un anno con Meldium, anch'essa acquisita. Le due app andranno a confluire in un singolo prodotto in modo graduale, mantenendo alla fine il marchio LastPass.

Nel breve termine, comunque, non dovrebbero esserci grandi modifiche, con un'operatività ancora quasi indipendente. La speranza principale da parte degli utenti è che non venga stravolto l'attuale modello commerciale che prevede una versione gratuita, punto in cui la nuova casa madre di LastPass ha già dato esperienze poco positive. A gennaio 2014 LogMeIn ha tolto il piano base free di accesso remoto, scatenando non poche polemiche e facendo guadagnare nuove simpatie al rivale TeamViewer, che invece prevede ancora un'edizione a costo zero. Le reazioni sui social (Twitter, ad esempio) non si sono fatte attendere, con le prime defezioni sulla sfiducia. Se lo stesso passo venisse ripetuto qui, AgileBits col suo 1Password avrà davanti una grande opportunità per soffiare il primato del duo LogMeIn/LastPass.