Dopo una lunga attesa in cui si sono visti solo semplici bugfix, finalmente la suite iWork torna a ricevere attenzioni da parte di Apple, mettendola in condizione di supportare le versioni più recenti di iOS e OS X. Coi rilasci x.6 è stata effettuata l'integrazione con tutte le principali novità, aggiungendo inoltre un discreto numero di migliorie. Vediamo nel dettaglio le liste ufficiali pubblicate da Apple per le tre applicazioni di cui storicamente è composta.

iworkaggiornamentielcap

Iniziamo dalle novità comuni a tutte le piattaforme, che sono le seguenti:

• Apri documenti dei Pages/Keynote ’08 e ’06 e Numbers '08
• Visualizza l’anteprima dei documenti condivisi nei browser su iOS e Android
• Accedi facilmente ai font usati di recente dal menu Font
• Aggiungi linee di riferimento ai grafici
• Aggiungi e rivedi i commenti con VoiceOver
• Rileva le modifiche con VoiceOver
• Modifica i dati e gli elementi dei grafici con VoiceOver
• Esportazione Word/Excel/PowerPoint migliorata

Solo su iOS sono invece disponibili queste features:

• Lavora in multitasking con le nuove viste Slide Over, Split View e Picture in Picture su iPad (dove supportata)
• Accedi rapidamente agli strumenti di formattazione dalla nuova barra delle abbreviazioni su iPad
• Seleziona facilmente il testo con i nuovi gesti Multi-Touch su iPad
• Usa le abbreviazioni da tastiera quando colleghi una tastiera wireless
• Supporto per il nuovo 3D Touch
• Visualizza e ripristina le modifiche apportate a un documento nel corso del tempo
• Ora VoiceOver può leggere i dettagli sulla formattazione, tra cui nome e dimensione del font, mentre lavori
• Aggiungi, rimuovi e riorganizza righe, colonne e celle con VoiceOver
• Ottieni informazioni sull’intestazione tabella con VoiceOver

Mentre invece per OS X è previsto un set differente di esclusive, come:

• Lavora in multitasking usando la nuova Split View in El Capitan
• Premi con decisione sulle immagini e ricevi un feedback tattile mentre fai modifiche usando il trackpad Force Touch
• Supporto migliorato per le caratteristiche dei font OpenType, come maiuscoletto, frazioni contestuali, glifi alternati e altro
• Visualizza Raccolte, Momenti, Preferiti e Album condivisi da Foto nel browser file multimediali
• Crea stili tabella, grafico e forma da un’immagine
• Opzioni AppleScript aggiuntive per l’esportazione PDF
• Opzioni AppleScript aggiuntive per l’esportazione ePub/Excel/PowerPoint

Andiamo ora a vedere gli aggiornamenti che concernono le singole app, iniziando da Pages:

• Nuovi modelli sviluppati da Apple: ePub (solo Mac), “Certificato bambini”, “Certificato classico”, “Newsletter scolastica”
• Migliore compatibilità con Word per grafici, scorrimento del testo e maschere non rettangolari
• Esportazione ePub migliorata
• Supporto migliorato per il testo bidirezionale per arabo ed ebraico (solo iOS)
• Modifica le impostazioni del documento con VoiceOver (solo iOS)
• Supporto EndNote migliorato (solo Mac)

Per Numbers si segnalano invece:

• Nuovi modelli sviluppati da Apple: “Bilancio semplice”, “Spese condivise”
• Migliore compatibilità con Excel per grafici, scorrimento del testo e maschere non rettangolari
• Interagisci con caselle di spunta, cursori, stepper, classifiche e menu a comparsa nelle celle con VoiceOver (solo iOS)
• Apri l’anteprima di stampa con VoiceOver (solo iOS)

Infine, per Keynote:

• Nuova animazione: “Tracciamento linea”
• Nuovi temi sviluppati da Apple: “Carattere moderno”, Mostra, Bozza
• Supporto completo per il testo bidirezionale per arabo ed ebraico
• Migliore compatibilità con PowerPoint per grafici, scorrimento del testo, maschere non rettangolari, mappatura animazioni e importazione/esportazione dei temi
• Modifica facilmente le note del presentatore con VoiceOver
• Ora VoiceOver può leggere le note del presentatore mentre riproduci la presentazione

Tutti gli aggiornamenti descritti sono disponibili gratuitamente per tutti coloro che avessero già installato oppure acquistato/ottenuto con un nuovo dispositivo in precedenza le app. Per coloro che sono su iOS 8.4 e OS X 10.10.4/.5 non è necessario per forza il passaggio alle ultime versioni dei sistemi in quanto i rilasci di iWork sopra descritti sono compatibili anche con essi, fatta ovviamente eccezione per le implementazioni più specifiche come Split View. Molto di quanto elencato si applica pure alla versione web su iCloud, che con l'occasione perde il tag Beta.