Come è cresciuto in fretta Dropbox, da quando era solo uno spazio di archiviazione cloud. L'azienda creata e guidata da Drew Houston si è evoluta sempre più verso una piattaforma di servizi, rimasta lontana dal competere con offerte chiavi in mano come quelle offerte da Apple, Google e Microsoft, ma con tanta voglia di crescere facendo bene. Oggi sono stati però fatti due annunci in particolare relativi che hanno dato purtroppo un freno alla nuova "casa per la vita", come riportava il motto adottato ai tempi delle presentazioni.

dropboxsadmotto

Il primo è relativo a Mailbox, applicazione di posta elettronica per iOS acquisita da Dropbox poco più di due anni fa. Maturato ulteriormente, ha poi fatto il salto su Android e anche su Mac, portando tutte le funzionalità già viste e da molti apprezzate sugli iDevices all'apprezzamento da parte di un pubblico molto più grande. La sincronizzazione con Dropbox ha permesso alle sue caratteristiche di essere davvero multipiattaforma, avendo effetto su tutti i dispositivi in cui è stato installato il client. L'ottimo tasso tecnico di realizzazione e la popolarità non hanno però salvato Mailbox dalla fine, che arriverà il prossimo 26 febbraio 2016. A partire da tale data l'app non sarà utilizzabile nemmeno senza supporto, in quanto verrà totalmente disabilitata. Le email non verranno toccate, rimanendo disponibili sui servizi adoperati dall'utente per l'organizzazione tramite altre app del settore. Inoltre, chi aveva ottenuto 1 GB di spazio extra per l'installazione di Mailbox non lo perderà.

Il secondo annuncio importante di oggi riguarda l'applicazione Carousel. Dedicata alla fotografia, sfruttava sempre la sincronizzazione col proprio account Dropbox salvando automaticamente tutte le immagini e i video, ordinandoli in base alle date di acquisizione e ad altri elementi. Nel suo caso, l'aggravante del minore utilizzo ha portato la società a deciderne la terminazione il 31 marzo 2016. Esattamente come per Mailbox, da lì in poi l'app sarà disabilitata, mentre le foto rimarranno disponibili nel proprio spazio Dropbox. Alcune funzionalità di Carousel verranno integrate nell'applicazione principale.

Con oltre 400 milioni di utenti sui suoi servizi, quale sarà il prossimo passo di Dropbox? La società promette benefici da questi cambi di direzione, per il futuro. Si lavorerà per migliorare la piattaforma cloud, soprattutto per l'ambiente business, insieme a strumenti di arricchimento dell'esperienza d'uso come il fresco di lancio editor Paper. Vedremo se le "tre grandi" avranno di che replicare a questa nuova strategia. La casa non è stata completata, e visto che sta per essere demolita le premesse per abitarci stabilmente in futuro sono sfumate; potrebbe nascerne un ufficio migliore in cui lavorare, se non altro.

PS: se vi sembra qualcosa di già letto, sappiate che è puramente voluto. Come descrissi ai tempi la creazione, descrivo ora quasi al medesimo modo la distruzione. -G