Unknown

Con il progredire della miniaturizzazione dei componenti hardware, sempre più produttori di affannano in servizi di stile che, in qualche modo, predicono il futuro del mercato dei computer. Infatti, qualora non si desiderino prestazioni elevatissime, ci si può rivolgere a soluzioni come il MacBook di Apple o ai suoi cloni presentati durante il CES 2016 per avere un computer sempre pronto all'uso per le operazioni più comune, apprezzandone la struttura hardware, ormai molto simile a quella dei dispositivi post pc. Intel, dal canto suo, vuol spingere ancora oltre l'attuale miniaturizzazione, tanto da adoperarsi da qualche tempo nel creare una nuova serie di pc dalle dimensioni poco maggiori di una chiavetta USB, i Computestick. Se prima questo form factor era ad esclusivo appannaggio dei produttori di dispositivi Android, vista la possibilità di utilizzare unicamente processori ARM per il loro minor consumo energetico e minor surriscaldamento, oggi la gamma Core M di permette di creare un piccolo pc all'interno di uno spazio così piccolo, senza rinunciare alla potenza di calcolo. I nuovi Computestick mantengono invariata la loro forma parallelepipeda che si conclude con un connettore HDMI per collegarli direttamente ad un monitor esterno. Dopo averli connessi all'alimentazione, basterà collegare via Bluetooth o USB (anche con l'aiuto di un moltiplicatore di porte) tastiera e mouse per essere subito operativi con Windows 10. La nuova gamma di Computestick include due modelli con Intel Core M: un M5-6Y57 Pro a $499,00 venduto senza sistema operativo e un M3-6Y30 a $399,00 venduto con Windows 10 OEM. Entrambi i modelli sono dotati di 64 GB di memoria di massa e 4 GB di RAM, oltre a 3 porte USB, chip Wi-Fi dual band AC 7265 e connessione Bluetooth 4.1. Entrambi entreranno in produzione a febbraio. Chi, invece, cerca anche l'economicità, potrà rivolgersi alla versione Atom con processore X5-Z8300 quad-core, 32 GB di memoria di archiviazione e 2 GB di RAM, due porte USB, Bluetooth 4.0 e lo stesso chip Wi-Fi dei fratelli maggiori. Questa versione è già in produzione e dovrebbe essere commercializzata al più presto.