Schermata 2016-01-05 alle 11.14.35

Meno di 30 ore all'ora X, l'ora che molti videogiocatori attendono da anni: l'apertura dei preorder per l'acquisto di Oculus Rift, il visore per la realtà virtuale che da tempo sta facendo parlare (e dividere) la rete. C'è chi giura che sia una svolta importantissima per il mercato videoludico, chi, invece, sostiene che potrebbe essere un flop al pari dei televisori 3D. Sino ad oggi, è stato possibile provarlo solo ed esclusivamente nella sua versione per sviluppatori, con pochi titoli demo creati da una comunità di volenterosi appassionati. Da domani, però, chiunque potrà acquistare il suo visore e provarlo a casa, sia con i due titoli inclusi sia con gli altri che saranno sviluppati nei prossimi mesi. Non si sa ancora se il roll out sarà graduale o la commercializzazione riguarderà contemporaneamente tutto il mondo, ma quel che è sicuro è che per utilizzarlo al meglio bisognerà dotarsi di un computer Windows molto potente, visto che non è previsto il lancio di Oculus per i Mac, ritenuti dall'azienda (ora nelle mani di Facebook) troppo poco potenti dal punto di vista delle GPU. Chi, invece, possiede una PS4, dovrà attendere il rilascio di PlayStation VR, il visore sviluppato da Sony e compatibile con la propria piattaforma.