lg-g51

A distanza di circa un anno dall'uscita dell'ottimo G4 (recensione), l'azienda coreana oggi ha presentato il suo successore, il nuovo terminale flagship LG G5. Abbandonata la scelta della cover posteriore in pelle (che, peraltro, ho decisamente apprezzato), LG ha preferito abbracciare il trend del settore degli smartphone di fascia alta progettando un dispositivo unibody, ma, comunque, espandibile. Infatti, oltre allo slot per le memorie microSD inserito nello stesso carrellino delle SIM, è possibile sganciare la parte inferiore del dispositivo e sostituire la batteria o, ancora, espandere le funzionalità del G5 grazie a degli accessori da acquistare a parte, gli LG Friends. Il nuovo design, quindi, strizza l'occhio ad iPhone e ai Galaxy, pur mantenendo inalterate le caratteristiche di espansibilità peculiari della gamma Android.

lg g5 2

All'interno del bel case in alluminio dalle linee morbide (disponibile nei quattro colori black, silver, oro ed oro rosa) la cui superficie non è disturbata da "antiestetiche" antenne (come su iPhone 6, ad esempio), troviamo un processore Qualcomm Snapdragon 820 accompagnato da ben 4 GB di memoria RAM, mentre quella dedicata all'archiviazione è pari a 32 GB. Nonostante gli 8 mm di spessore, la batteria è da 2.800 mAh con supporto allo standard QuickCharge 3.0 che, ovviamente, passa dalla porta USB-C.

lg g5 3

Una prima piccola novità è costituita dal display IPS, protetto da un vetro curvo stampato in 3D, ora da 5.3" in luogo dei 5.5" del suo predecessore G4, di cui, però, mantiene la risoluzione QuadHD da 2560 x 1440 pixel, risultando, così, leggermente più definito. LG ha pensato di lasciarlo sempre attivo in modo da mostrare l'orario e le notifiche ricevute con una semplice grafica grigio scuro, che, oltre ad essere elegante, permette di consumare solo lo 0.8% della batteria ogni ora.

lg g5 4

Il bilanciere del volume è di nuovo collocato sul lato del dispositivo mentre sul dorso è stato collocato quello di accensione e spegnimento sul quale è stato integrato anche un lettore di impronte digitali, fondamentale per sbloccare il dispositivo e utilizzare le funzioni legate ad Android Pay. Sempre sul retro del G5 si trova la vera novità del dispositivo: una fotocamera (sporgente) a doppia ottica da 13 megapixel, soluzione che permette un'inquadratura della scena a 135 gradi, molto più ampia rispetto alla concorrenza, pari all'angolo di visuale dello sguardo umano. Una soluzione simile è stata adottata anche da Huawei per il Nexus 6P che, però, è molto più grande e scomodo rispetto al nuovo flagship di LG.

lg g5 5

Assieme al G5, LG ha presentato anche una linea tutta nuova di accessori, gli LG Friends: alcuni possono essere inseriti nello slot di espansione del dispositivo per migliorarne alcune caratteristiche, altri, invece, possono essere usati tramite le connessioni senza fili. Nella prima categoria rientra sia l'LG Cam Plus che regala allo smartphone una impugnatura migliore per usarlo come macchina fotografica compatta, oltre a dei controlli dedicati come un pulsante di scatto e una rotella per lo zoom ed una batteria ausiliaria da 1.200 mAh.

lg g5 6

Da una collaborazione con B&O, è nato l'LG Hi-Fi Plus with B&O Play, un accessorio per lo slot di espansione che permette di migliorare notevolmente la qualità audio del dispositivo, oltre a supportare nativamente l'audio DSD. Nella confezione, inoltre, sono inclusi anche un paio di auricolari H3 di Bang & Olufsen. A differenza del Cam Plus, il modulo Hi-Fi Plus non stravolge il design del dispositivo, se non per aggiungergli qualche millimetro di lunghezza in più.

lg g5 7

Secondo il presentatore del keynote, l'intento di LG è anche quello di cambiare per sempre il modo di fare i selfie: qualora non dovessero bastare gli 8 megapixel della fotocamera frontale, si può acquistare a parte l'LG 360 Cam che, come è intuibile dal nome, permette di scattare foto a 360 gradi ed è stata sviluppata grazie anche alla collaborazione con il team di Google Street View al quale, peraltro, potranno essere inviate le foto realizzate sperando in una loro integrazione nel servizio di Big G.

lg g5 8

L'azienda non poteva rimanere al di fuori del mercato della realtà virtuale e così ha presentato la sua idea di visore, più piccolo, leggero, ergonomico e discreto rispetto a quelli della concorrenza. Infatti, l'LG 360 VR si indossa come un normale paio di occhiali (senza, quindi, lacci e fibbie) e si collega alla porta USB-C di LG G5, senza che questo venga inserito al suo interno. I calcoli, infatti, sono demandati al Qualcomm Snapdragon 820 dello smartphone, la cui progettazione, a detta del COO dell'azienda produttrice dei chip, è studiata proprio per eseguire calcoli complessi per i giochi ed i contenuti tridimensionali ed immersivi.

lg g5 9

Per chi vuol tenere sotto controllo la propria abitazione o, addirittura, i propri animali domestici, l'azienda coreana ha presentato LG Rolling Robot, un piccolo drone "rotolante" controllabile tramite smartphone e dotato di videocamera per il controllo remoto dei propri ambienti.

lg g5 10

Infine, LG ha annunciato una collaborazione con Parrot per lo sviluppo di un controller per droni semplice e facile da usare, grazie alla presenza di un'unica leva in luogo delle tradizionali due. Con una sola mano, quindi, si potrà controllare tanto la stabilizzazione tanto la direzione di volo dei droni compatibili, tra i quali il Bebop 2.

Schermata 2016-02-21 alle 14.38.55

Tutti gli LG Friends sono identificati dal logo di un gatto con gli occhiali da sole e possono essere associati al proprio dispositivo LG G5 tramite un'app dedicata in tre soli tap, senza la necessità di ulteriori configurazioni di sorta. Ad ogni modo, non è stata annunciata né la disponibilità del G5 né quella degli LG Friends, ma l'azienda ha assicurato un lancio in contemporanea mondiale a breve per il proprio nuovo smartphone, ma senza specificare se gli accessori saranno commercializzati contemporaneamente oppure no. Quel che è certo, è che Samsung e gli altri produttori di telefonini Android dovranno mostrare i denti e stupire più di LG che ha iniziato il MWC 2016 davvero con il botto.