Quale momento migliore per recensire un filtro GND Reverse se non dopo aver pubblicato la guida su come utilizzarli? La scelta, che non è molta, è ricaduta sul NiSi GND Reverse 4 stop (ND16 - 1.2). Il filtro si presenta bene come di abitudine, nella sua custodia con chiusura magnetica in finta pelle.

NiSi reverse 4 stop

Il vetro utilizzato è Schott di altissima qualità, mentre la sfumatura è molto marcata sotto e soft verso l'alto. Come possiamo vedere dalla foto sottostante il filtro è davvero scuro e va utilizzato in condizioni particolari di forte luce frontale.

NiSi Filtro reverse

Fin da subito notiamo il difetto maggiore: la sfumatura verso l'alto è molto, troppo graduale. Se teniamo in considerazione che una parte del filtro sporge al di fuori della lente è molto probabile che in realtà il cielo sia completamente coperto dalla zona più scura o comunque con poca differenza rispetto ai 4 stop di quella centrale. La situazione migliora utilizzando focali ultra wide da 16 a 18mm, ma chi si aspetta una striscia centrale più scura ben definita rimarrà un po' deluso. Di fatto ci troviamo di fronte un filtro GND da 4 stop che sfuma troppo leggermente in alto. In ogni caso anche una leggera sfumatura è ben gradita a queste intensità, e la qualità generale del filtro è molto elevata.

Filtro GND Reverse NiSi

La foto a sinistra è stata scattata almeno 20 min prima della seconda, infatti ho aspettato che la striscia all'orizzonte si allargasse e facesse passare piú luce. Devo dire che questa era una situazione molto particolare, infatti le nuvole molto basse non lasciavano passare nessuna luce ed erano di un grigio molto uniforme. Aggiungendo il filtro (a destra), vediamo come la scena cambia totalmente, la striscia di luce all'orizzonte non è bruciata, ma il resto dell'immagine ha una evidente zona scura e un "taglio" netto sull'arco a sinistra e sulla scogliera a destra. Questi problemi non sono difficili da risolvere con 5 minuti di post-produzione su Lightroom, utilizzando il recupero di ombre e neri con i pennelli.

Test filtri reverse NiSi

Dopo aver recuperato i neri e la zona di transizione del filtro, otteniamo un risultato più naturale. Ovviamente si tratta di una post produzione molto veloce e mirata ad eliminare i difetti di transizione più evidenti. L'obiettivo era quello di evitare la bruciatura all'orizzonte ed è stato raggiunto, anche se un effetto simile si sarebbe ottenuto anche con un classico GND hard da 3-4 stop.

Conclusione

Sono molto combattuto sulla recensione di questo filtro, per prima cosa necessita di un utilizzo "mirato" e una post produzione efficace (anche se veloce). Raggiunge il suo scopo, non c'è dubbio, ma si potrebbe fare qualcosa di molto simile con un GND 4 stop hard. Il vantaggio è che essendo un reverse, anche se con una sfumatura verso l'alto poco accentuata, possiamo avere un zona alta del frame meno scura e quindi può aiutare. La qualità del vetro è elevatissima, per cui mi sento di dare la quattro stelle, ma a patto di sapere che cosa stiamo cercando: non è un filtro da prendere "giusto per". In un kit ben fornito potrebbe essere un'aggiunta interessante, per tutti gli altri consiglio di prendere prima confidenza con i filtri base e concentrarsi sull'ottenere una foto non sovraesposta nelle zone chiare, sfruttando l'ottima gamma dinamica dei nuovi sensori e una post-produzione mirata. Il prezzo è lo stesso degli altri GND di casa, ovvero circa 150€ per il 100 x 150 mm. Tutti i filtri NiSi sono distribuiti in Italia da Ramaida.it, che offre agli utenti di SaggiaMente il 10% di sconto con il codice SAG10NS da inserire in fase d'ordine.

PRO
+ Ottimo vetro Schott
+ Dotato di pratica custodia da trasporto in finta pelle
+ Risolve adeguatamente alcune situazioni difficili

CONTRO
- Sfumatura verso l'altro troppo graduale
- Costo elevato