Qualche mese fa, Oculus ha reso pubblico il prezzo del suo Rift che, per gli italiani, si aggirerà attorno ai 700 €. Nonostante l'hype che si è creato intorno, molti hanno preferito evitare di prenotarlo il giorno del lancio sia per la scarsità di titoli (si parla di solo 29 giochi disponibili al day one), sia per gli elevati requisiti hardware che deve possedere il pc a cui collegarlo. Infatti, chi volesse comprare un computer che soddisfi quanto meno le richieste minime di Oculus Rift, dovrà spendere non meno di 1.000 € e, peraltro, non potrà scegliere un Mac. Ad ogni modo, il Rift è compatibile anche con Xbox One.

psvrpackage

In occasione della GDC 2016 di San Francisco, Sony ha presentato ufficialmente la propria risposta ad Oculus Rift, il PlayStation VR. Sebbene il visore nipponico sia ad esclusivo appannaggio della PlayStation 4, esso costerà "solo" $ 400 e, nella confezione, saranno inclusi tutti i cavi necessari per il corretto funzionamento della periferica, uno scatoletta nero che fa da bridge fra la PS4 e il VR, l'alimentatore e degli auricolari stereo. All'interno del bundle, però, non ci sarà la PlayStation Camera, fondamentale per il funzionamento del visore visto che ha la funzione di tracciare i movimenti della testa del giocatore. Altro grande assente è il PlayStation Move, il controller che sfrutta i sensori di movimento (come il Wii Mote o l'Apple TV Remote) che, dopo una breve fortuna su PlayStation 3 è letteralmente scomparso nel nulla, salvo essere riesumato ora come sistema di controllo ideale qualora si voglia giocare un titolo con il visore.

Ad ogni modo, Sony ha assicurato che chi non ha una PlayStation Camera potrà acquistare già al day one un bundle speciale che la includerà assieme ad un controller Move. Il prezzo non è stato ancora specificato, ma non dovrebbe differire molto da quello del VR "nudo e crudo". Qualora il bundle completo sarà disponibile anche in Europa, non essendo dotato né della Camera né del Move, sarà la mia scelta personale, visto che PlayStation VR mi attira sia per il prezzo molto più contenuto del Rift, sia perché, stando a quanto dichiarato, sarà compatibile non solo con tutti i titoli per PlayStation 4, ma anche con le app presenti sul PSN, come, ad esempio Netflix.