Apple sembra essere in procinto di annunciare una versione web del proprio framework MapKit, permettendo agli sviluppatori di incorporare una visuale di Mappe all'interno dei propri portali web. Sulla pagina dedicata alla prossima WWDC è stata integrata una mappa con le informazioni riguardanti la zona dove si svolgerà il prossimo keynote e analizzando il codice sorgente si nota una nuova versione del framework delle Mappe.

Maps-Web-Beta

Questa non è la prima volta che le Mappe di Apple vengono utilizzate all'interno di un contesto web, in passato è già successo per l'app Trova il mio iPhone o su iCloud.com. Tuttavia, era stato impiegato il MapKit 1.0 mentre sul sito WWDC viene utilizzata la versione 3.0 del framework, composto da più linee di codice e con una struttura più complessa e dettagliata. Da un punto di vista commerciale non è chiaro quale potrebbe essere il ritorno di Apple nell'aprire le API agli sviluppatori web, che di solito usano Google Maps, ma un ingresso in questo mercato creerebbe una forte concorrenza per Mountain View e farebbe conoscere il servizio anche agli utenti esterni all'ecosistema Apple.

FruityMaps

In seguito all'articolo di 9to5Mac che ha svelato questo nuovo framework, Tim Broddin (uno sviluppatore creativo) si è messo al lavoro ed ha creato un concept web che mostra una versione base del servizio in funzione. Maps Fruity consente di esplorare tutto il mondo attraverso gli occhi di Apple e offre una vista molto simile a ciò che è attualmente la versione web di Google Maps. Anche in assenza di caratteristiche essenziali per un utente, come la ricerca e i segnaposti, il sito dà una idea di come potrebbe presentarsi il servizio online. A Cupertino da anni sono al lavoro sul miglioramento delle Mappe, soprattutto dopo i problemi iniziali, e non mi stupirebbe se entrasse in competizione con Google anche sul web. Chissà che novità in merito non arrivino proprio nella prossima WWDC 2016.