Con iOS 8 Apple ha introdotto la possibilità di cambiare la tastiera integrata nel sistema con altre di terze parti. Una delle più famose ed apprezzate è sicuramente Swype, che permette di scrivere strisciando il dito sullo schermo da una lettera all’altra, senza mai sollevarlo. Personalmente non mi sono mai trovato bene con questo sistema, forse per la poca disponibilità a sottopormi ad una fase di adattamento, dove si è inevitabilmente meno produttivi; fatto sta che utilizzo ancora oggi la tastiera di default Apple, che ha comunque corretto alcune sue criticità con iOS 9. Sicuramente, il massimo rendimento in scrittura si ha nell’utilizzo a due mani, ma quando non è attuabile, chi si trova ad affrontare maggiori problematicità sono gli utilizzatori di iPhone in versione Plus. Quell’enorme schermo non consente di arrivare a coprire comodamente con una mano tutta la tastiera, né digitando né swipando.

word-flow

Arriva in soccorso a questi utenti (ma può essere interessante per tutti) Word Flow, tastiera sviluppata nientepopodimeno che da Microsoft e già molto apprezzata su Windows Phone, disponibile per ora solo sul mercato USA. Word Flow permette di scrivere sia in maniera classica sia utilizzando la tecnica a strisciata continua di cui sopra; la vera novità deriva dalla possibilità di disporre il layout dei tasti a mo’ di arco, avvicinando tutte le lettere al lato destro (o sinistro) dello schermo e rendendo così più comoda la scrittura ad una mano. A questo si aggiunge la predizione dei nomi dei contatti in rubrica e la possibilità di personalizzare il background della tastiera con colori, sfondi stock o immagini prese dal nostro rullino. L’idea sembra buona, non ci resta che augurarci un rapido debutto anche nell’App Store italiano. Di seguito un breve video di The Verge che mostra le caratteristiche salienti della tastiera made in Redmond.