Una delle armi più potenti in mano ad Apple è che, ancora oggi, esistono persone che quando pensano a lei immaginano un paio di geni trasandati che inventano il futuro in un garage della Silicon Valley. Jobs non c'è più e Woz fa tutt'altro, ma lo spirito di quella startup (oggi la chiameremmo così) ha segnato un epoca e non è semplice dimenticarsene. Per quanto si voglia rimanere aggrappati a questa visione, è ormai da tanto tempo che Apple ha cambiato scala di valori e l'anno prossimo l'iPhone, che l'ha portata all'attuale successo, compirà 10 anni. Jobs era un sognatore, non c'è dubbio, ma anche un abile calcolatore. Appariva in pubblico quando serviva, diceva ciò che era necessario per conquistarci, senza mai svelare troppo le proprie carte. Tim Cook avrà sicuramente meno carisma e suscita un diverso sentimento di ammirazione, ma ha imparato bene e dal migliore.

jobsprimoiphone

Dopo l'ultima trimestrale, con risultati prevedibili ma comunque deludenti, il titolo Apple sta affrontando il più lungo periodo di calo da 18 anni a questa parte. Intendiamoci, si tratta solo di 8 giorni in leggera discesa e non di un tracollo finanziario, ma la riduzione del 16% delle vendite di iPhone anno su anno ha risvegliato la necessità di apparire in pubblico. L'intervista che il CEO ha rilasciato oggi a Mad Money sulla CNBC è infatti una risposta alquanto prevedibile. Ogni sua parola sarà stata attentamente e scrupolosamente vagliata, un po' come avviene nei discorsi di chi si candida alla presidenza. Eppure si è slanciato in promesse piuttosto importanti, che non sarà semplicissimo soddisfare.

Apple-Cook-CNBC

Le attenzioni sono ovviamente rivolte ad iPhone 7, il quale avrà l'arduo compito di invogliare all'acquisto anche i soddisfatti possessori dei modelli 6 e 6s. È stato piuttosto facile in passato, perché il 5s era circondato dall'insoddisfazione per il piccolo schermo, ma oggi non lo sarà altrettanto. Cook ha detto di avere in programma una nuova linea che incentiverà l'upgrade dell'iPhone, grazie a delle innovazioni che non immaginiamo ma senza le quali non potremo vivere. È ciò che Apple ha sempre cercato di fare, ma il fatto che sia anche ciò che gli investitori dovevano sentirsi dire sembra rendere meno sincere e convincenti le sue parole. Per la prova dei fatti ci toccherà attendere settembre.

Di seguito le sue affermazioni più rilevanti:

We have great innovation in the pipeline, like new iPhones that will incent you and other people that have iPhones today to upgrade to new iPhones.

We are going to give you things that you can't live without, that you just don't know that you need today.

That has always been the objective of Apple - to do things that really enrich people's lives, that you look back on, and you wonder, 'how did I live without this?'