Se attualmente il progetto di Apple per la realizzazione di un'automobile sembra davvero entrato nel vivo, i più attenti alle notizie riguardanti la casa di Cupertino ricorderanno sicuramente che le prime voci sull’argomento nacquero negli anni precedenti alla morte di Steve Jobs, suggerendo l’idea che un progetto così ambizioso bolle in pentola da molti anni negli uffici di One Infinite Loop.

apple-car-v-vehicle

A conferma di tutto ciò giunge un post del The Guardian (via MacRumors) che racconta la storia dell’incontro tra il compianto ex CEO di Apple e il creatore di V-Vehicle Bryan Thompson. Un progetto che ha provato a sfidare i tradizionali canoni del settore automobilistico offendo un veicolo leggero e al tempo stesso economico da costruire. Difatti la V-Vehicle aveva un corpo in polipropilene e fibra di vetro, che permetteva di ridurre il peso complessivo di circa il 40% rispetto ad una normale autovettura costruita in acciaio. Contemporaneamente tali materiali consentivano una riduzione del 70% dei costi di produzione.

apple-car-v-vehiche2

I due si ritrovarono all’interno di un prototipo della V-Vehicle con Jobs seduto sul sedile del conducente. Il designer industriale Thompson racconta che “ha imparato di più sulla plastica durante quell’incontro di soli 15 minuti che nei suoi ultimi anni di scuola di design per l’industria automobilistica”. Infatti, durante il colloquio, l'ex CEO di Apple analizzò gli interni del veicolo espletando le proprie idee in fatto di materiali e design. Concetti come la realizzazione di un unico pezzo per evocare l’idea di alta precisione oppure di superfici tese che diano il senso “di energia, come un animale pronto a balzare” oltre a conferire al prodotto un senso di qualità e affidabilità. Principi che sono visibili ancora oggi nel design dei prodotti della casa di Cupertino.

apple-car-v-vehiche3

Thompson fece tesoro dei consigli ricevuti e apportò delle modifiche agli interni, tuttavia a causa del fallimento delle coperture finanziarie dovette abbandonare il progetto. I disegni di Thompson sono però stati acquisiti dalla LCV Capital management nel 2015 e la V-Vehicle è stata ribattezzata Next Autoworks con un piano per costruire l’autovettura proprio nel nostro Paese. Non è improbabile che Apple si sia ispirata a progetti del genere per lanciarsi nella realizzazione di un prodotto fuori dai propri schemi. Solo con l’arrivo dell'atteso Natale potremo forse dare una risposta a queste domanda.